Orrore a Giffoni, padre orco abusa della figlia e la costringe a prostituirsi, arrestato 55enne

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
15
Stampa
carabinieri_arresti_nuovaI carabinieri del comando provinciale di Salerno hanno eseguito a Giffoni Valle Piana una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del tribunale di Salerno nei confronti di un uomo di 55 anni, responsabile dei reati di violenza sessuale aggravata, maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale. I fatti accertati dagli inquirenti risalgono al 1999, quando la ragazza da minorenne era costretta ad avere rapporti sessuali con l’uomo. Il padre avrebbe abusato per 15 anni della giovane, oggi 24enne. A quanto si apprende, il fratello 27enne ha anche minacciato la sorella perche’ non denunciasse gli abusi subiti nel corso degli anni. Ma la giovane, spinta dalla madre che era stata costretta a tacere con botte e minacce da parte del marito, ha messo a verbale gli abusi con i carabinieri. Una perquisizione nell’abitazione dove vive il 55enne ha fatto sequestrare anche materiale pedopornografico. L’uomo ha tentato la fuga ma e’ stato bloccato. Il 27enne e’ stato denunciato per violenza e minacce aggravate.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

15 COMMENTI

  1. Che amarezza…questi esseri dovrebbero essere portati alla gogna,nessuna pietà,compreso il fratello.

  2. Ci scandalizziamo tutti ma poi questi animali non ricevono mai quello che meritano…..bisogna mozzare prima le gambe,poi le braccia,tagliargli quell’affare inutile che hanno in basso e in ultimo mozzargli la testa…questa è vera giustizia.Purtroppo sta merda è coperta da altri animali intorno forse peggio di loro che andrebbero messi solo nelle camere a gas per poi farne saponette…

  3. io invece propongo di lasciarli liberi ma ” costringerli ” a circolare per ore in strada con una maglia con su scritto: PEDOFILO-ORCo.

  4. Ora devono violentare lui per 30 anni(il doppio per gli interessi) fino a ridurlo ad uno stato pre-larvale……….quella si che sarebbe giustizia altro che domiciliari e un paio di volte a na casa di riposo……..che tristezza la giustizia italiana……..

  5. La colpa e sempre della legge troppo garantista dei zozzi, ladri, parassiti ecc.ecc. la lota peggiore e il fratello…..

  6. Quando leggo queste notizie mi viene lo schifo totale per queste persone, degne del massimo della umana pena, SENZA SCONTI. Manco da tantissimi anni a Giffoni, mio paese natio, e leggere di queste notizie la mia rabbia nei confronti di una simile bestia aumenta ancora di più.

  7. trafigettegli testicoli con aghi da cucire almeno 50 e lasciatelo morire nel dolore …lento dolore!gli inferi ti stanno aspettando…uomo di merda…

  8. Io sono di Giffoni e a sapere queste cose rabbrividisco….Fai schifo…Vergognati,era tua figlia.E pure tu,grandissimo deficiente di fratello,occultavi tutto quello che faceva quel porcp d tuo padre….Bastardi!!!!Vi devono violentare per 20 anni per poi farvi fare una morte lenta e dolorosissima!!!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.