Angri, Confesercenti dice “basta a soprusi, abusivismo e illegalità”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
confesercenti_ANGRIIl Presidente Aldo Severino, si mobilita su questioni di  fondamentale importanza, chiedendo al Sindaco Pasquale Mauri interventi urgenti mediante un pubblico tavolo di confronto e di trattativa con commercianti e cittadini, per venire incontro alle loro esigenze, prevenire fenomeni di illegalità, e contribuire sempre più allo sviluppo economico e culturale della nostra città. Così si esprime il Presidente Severino: “La nostra Associazione, facendosi portavoce delle proteste di numerosi commercianti, chiede un impegno concreto ed efficace, per contrastare i fenomeni della vendita abusiva itinerante, ormai capillare e sistematica in diverse parti della città, e dell’occupazione illegale di suolo pubblico, al fine di esporre la merce, con conseguente violazione delle norme igienico-sanitarie ed elusione degli oneri tributari e fiscali che genera il consolidarsi di una concorrenza sleale a danno dei piccoli imprenditori onesti.

Inoltre la nostra cittadina è invasa sempre più da affissioni e cartelloni pubblicitari abusivi che violano il codice della strada, le norme sulla sicurezza e sull’impatto ambientale, oltre che determinare un mancato introito per le Casse Comunali. Non posso non prendere atto poi, del malcontento che serpeggia tra gli operatori del settore, i quali si sono visti sospendere da parte del Comune le autorizzazioni per l’installazione di gazebo e dehors esterni. Non si possano lasciare gli imprenditori, soprattutto in momenti difficili come questi per il commercio, e dopo aver sostenuto una spesa alle volte anche ingente per la realizzazione di tali strutture, in sospeso per così lungo tempo. Chiedo poi, in particolare sul fondo Caiazzo, a bonifica compiuta, la realizzazione di un parcheggio e di un’area verde con parco giochi, per venire incontro non solo alle necessità di coloro che abitano nei dintorni, ma favorire l’intera collettività, attirando in questo modo anche cittadini da paesi limitrofi che troverebbero un luogo confortevole, utile a muovere il circuito commerciale sempre più in crisi.

Dunque è necessario completare al più presto il processo già avviato di riqualificazione e riconversione di quest’area ancora contaminata dall’amianto, il killer silenzioso che rappresenta una vera emergenza, umana, ambientale e sanitaria. Altra questione riguarda l’urgenza di applicare agevolazioni fiscali. Gravosa è la condizione in cui versano le imprese del territorio sempre più schiacciate da crisi, abusivismo e pressione fiscale insostenibile; un vero e proprio tsunami si è abbattuto sui settori storicamente portanti della nostra economia: commercio ed artigianato. Avremo sempre più difficoltà a risollevarci senza un intervento efficace dell’Amministrazione, alla quale Chiedo di studiare  forme di aiuti per le nostre Piccole e Medie Imprese, da realizzarsi medianti sgravi fiscali sulle tasse comunali o quant’altro risulti utile a non esacerbare la spirale di povertà e disoccupazione che ci attanaglia.

La risoluzione di queste problematiche è fondamentale per rilanciare e valorizzare il nostro territorio. A tal proposito è doveroso menzionare la manifestazione ideata dall’Amministrazione Mauri, Spettri al Castello, conclusasi proprio poche settimane fa. L’evento, che ha riscosso grande successo, è stato capace di attirare a se migliaia di spettatori provenienti da ogni dove, che si sono riversati nei meandri del Castello, nei giardini della Villa, nei vicoli, nelle piazze della nostra città: un vero e proprio catalizzatore di cultura e turismo. Ciò dimostra come Angri sia sempre più protagonista di eventi importanti, tanto da divenire capofila dei Paesi dell’Agro Nocerino Sarnese nella promozione e sviluppo economico, culturale e sociale del territorio.

Dunque contrastare l’abusivismo,  riconquistare marciapiedi e strade, salvaguardare la salute dei cittadini, sono richieste sia di decoro urbano che di convivenza civile. Basti  pensare ad esempio, all’impegno con cui la nostra Associazione è scesa in campo, realizzando il progetto di sensibilizzazione per la raccolta delle deiezioni canine: il rispetto degli spazi comuni, la cura degli animali con la raccolta dei loro bisogni, la tutela dell’ambiente, devono assolutamente diventare valori prioritari: avere delle strade pulite ed in ordine è il primo segno di civiltà di un paese: solo così Angri potrà assurgere sempre più a polo attrattivo.

Ribadiamo, dunque, con forza la necessità di un incontro immediato con l’Amministrazione Comunale per rilanciare il tema del rispetto della legalità, della tutela dell’ambiente e della sicurezza dei cittadini  e adottare i dovuti provvedimenti per risolvere le problematiche esaminate”.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.