Fisciano: il Comune all’Aeeg a Roma per contrastare l’aumento tariffe idriche della Gori

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Comune_di_FiscianoC’è un importante appuntamento in calendario per evitare l’aumento delle tariffe idriche che vorrebbe applicare la Gori spa in tutti i Comuni dell’Ambito ATO3 Sarnese-Vesuviano. E’ la data del prossimo 6 giugno, giorno in cui i rappresentanti della Rete dei Sindaci per l’acqua pubblica sono chiamati ad intervenire nell’incontro fissato dall’avvocato Giuseppe Grauso che si terrà nella sede romana dell’Aeeg (Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas). La comunicazione è stata fornita in un incontro che si è tenuto giovedì 29 maggio presso l’aula consiliare del Comune di Fisciano dallo stesso legale che si sta occupando del procedimento giudiziario per contrastare lo spropositato incremento delle tariffe dell’acqua che vorrebbe imporre il commissario straordinario della Ato 3, On. Carlo Sarro. Al vertice di Fisciano erano presenti tutti gli esponenti della Rete dei Sindaci (costituita nell’estate scorsa a Roccapiemonte con l’adesione di circa 15 Comuni con l’intento di liquidare la Gori e restituire la competenza della gestione del servizio idrico ai Comuni), il sindaco di Fisciano, Tommaso Amabile e l’assessore al bilancio Franco Gioia, che ha seguito sin dall’inizio, in modo accurato, questa delicata vicenda. “Il primo intervento da eseguire da parte dei Comuni che appartengono alla Rete dei Sindaci – ha detto l’avvocato Grauso – è quello di adottare le delibere per opporsi al provvedimento dell’Ato 3 (delibera n.27 del 21 marzo 2014) con  il quale si imporrebbe un aumento tariffario del 44% per l’anno in corso e di un ulteriore 24% per l’anno successivo che si traduce in circa 350-400 euro in più all’anno”. Secondo Grauso è fondamentale la presenza dei membri della Rete all’appuntamento del 6 giugno presso l’Aeeg al fine di rafforzare la posizione di contrasto agli aumenti e indurre l’Autorità (organo abilitato a fornire le  autorizzazioni) a negare l’incremento tariffario. Il secondo passaggio da seguire è quello di aprire una dialettica istituzionale tra le parti coinvolte in questa battaglia per la “ripubblicizzazione” del servizio idrico. E in ultimo, intraprendere un percorso condiviso che possa portare all’adozione di una delibera di liquidazione della Gori da parte dei membri appartenenti alla Rete dei Sindaci, a seguito del parere espresso dall’esperto avvocato amministrativista Marcello Clarich. Secondo quest’ultimo la liquidazione della Gori porterebbe benefici di natura economia e lavorativa. Infatti, i debiti della Gori verrebbero trasferiti in normali procedure fallimentari e/o concorsuali e gli attuali lavoratori della Gori usufruirebbero di un passaggio di cantiere, che consentirà di assorbirli negli enti pubblici che gestiranno il servizio idrico. L’assessore Gioia, nel suo intervento, ha sottolineato “la necessità di trasformare il protocollo d’intesa col quale i Comuni stanno aderendo alla Rete dei Sindaci in Associazione di Rete. In questo modo si legittimerebbe ancora di più il ruolo istituzionale degli enti, cui spetta di diritto la gestione del servizio idrico”. D’accordo anche il sindaco, Amabile, che si è dichiarato disposto a sostenere tutte le iniziative indirizzate a produrre benefici alla cittadinanza. Sempre l’assessore Gioia si è fatto promotore dell’istituzione di una class action, pratica di azione legale congiunta da mettere in campo per recuperare la maggiorazione delle somme già applicate in bolletta dalla Gori, in maniera del tutto illegittima, provocando l’incremento dei malumori tra i contribuenti.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.