Crescent, De Luca: “E’ grande progetto di riqualificazione non rapina a mano armata”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
38
Stampa
 De_Luca_CrescentNel ricordare Massimo Vinelli il designer che ha realizzato il logo di Salerno e recentemente scomparso a New York per una grave malattia De luca, durante la trasmissione del venerdì a LIRATV, ha ricordato anche le critiche che accompagnarono la presentazione di quel progetto grafico. “Non mancarono anche in quei giorni il provincialismo, la volgarità: Vignelli ha ricevuto a New York lettere di insulti, qui sono riusciti a far venire persino Striscia la Notizia. E tutto questo per una sciocchezza, perché Vignelli ha lavorato quasi gratis per il Comune di Salerno. Lo ha fatto per confermare il suo affetto per l’Italia e per il Sud, ha voluto lasciarci la sua traccia, la sua eredità culturale. Quello che successe in quei giorni fu una vergogna. Quanto è complicato far confrontare una realtà segnata ancora dal provincialismo con le grandi sfide internazionali, come è difficile crescere di livello. Quando si parla di grandi personalità, si può condividere o non condividere un lavoro, ma certo non si può mancare di rispetto. Devo tanta gratitudine a Massimo Vignelli, è stato uno degli incontri umani più straordinari che io abbia avuto la fortuna di compiere nella mia attività istituzionale, uno degli incontri che mi ha lasciato di più in termini di arricchimento umano. Stiamo valutando la possibilità di istituire un premio per il design e l’architettura contemporanea intitolato alla sua memoria, per legare il nome della nostra città al nome incancellabile di Massimo Vignelli”.

Sul Crescent:  “Un’altra delle esperienze nelle quali emerge il provincialismo, la sottocultura, la volgarità. Anche in questo caso parliamo di una personalità di valore assoluto, una firma di valore incontestabile. Questo progetto aveva due obiettivi principali: creare una nuova identità che desse un respiro internazionale alla città e creare lavoro. In qualunque altra città del mondo, un simile progetto di riqualificazione, che vede impegnati Bofill, Zaha Hadid e Bohigas, avrebbe creato entusiasmo, senso del futuro; qui sembra che si stia facendo una rapina a mano armata. Mi auguro che questa vicenda si possa chiudere quanto prima e che quanto prima ci si possa lasciare alle spalle questi ultimi residui di provincialismo, di volgarità, che fanno stare bene solo quelli che apprezzano la mummificazione dell’Italia, il cui ideale di città è il nulla, il degrado. Ma, se Dio vuole, questo paese si sta svegliando: iniziamo a diventare un paese che guarda alla modernità, che si è stancato della mummificazione. Se Dio vuole, dopo queste elezioni iniziamo a correre, come corrono gli altri paesi del mondo, dove si crea lavoro ed economia con la trasformazione urbana”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

38 COMMENTI

  1. vai avanti Sindaco la gente fa finta di non ricoradare prima come era quella zona quando si fa qualcosa x Salerno e che possa creare lavoro fanno di tutto x non far crescere Salerno.

  2. Arrivati a questo punto è meglio per tutti che si completi il manufatto già realizzato.
    Sicuramente non sarà il massimo ma neanche una bruttura.
    Nel frattempo potremmo riprenderci lo spazio creato e vedere che risultati produce.
    Se negli anni vedessimo delle storture insopportabili potremmo sempre intervenire per migliorare.
    Solo per Salerno

  3. Il decreto sblocca Italia risolvera’ definitavente il problema e i grillinacei, usando il linguaggio del loro padrone, se la prenderanno nel…….

  4. come pseudomino avresti potuto usare ciccio invece di mimmo, …………che seddà fà p magnaà……..iatvenn

  5. comitato si crescent, vorrei proprio vedere da chi è formato, e che rapporti con il sindaco,il pd e con l’amministrzione abbiano questi soggetti………

  6. Assolutamente concorde con il Sindaco, la gran parte dei detrattori della riqualificazione di quello schifo che era, non hanno mai messo il naso fuori da Salerno.
    Forse se si organizzasse un viaggio “esplicativo” nel Nord Europa e, vista l’integrazione “antico- moderno” di Berlino, Stoccolma, Copenaghen ecc. “I figli delle chiancarelle” potrebbero diventare Figli del loro tempo.

  7. Assolutamente concorde con il Sindaco, la gran parte dei detrattori della riqualificazione di quello schifo che era, non hanno mai messo il naso fuori da Salerno.
    Forse se si organizzasse un viaggio \”esplicativo\” nel Nord Europa e, vista l\’integrazione \”antico- moderno\” di Berlino, Stoccolma, Copenaghen ecc. \”I figli delle chiancarelle\” potrebbero diventare Figli del loro tempo.

  8. MI SA CHE il nord europa l’hai visto in cartolina, in quanto il buon senso degli amministratori di tali paesi non hanno mai relizzato un gabinetto analogo. certo, copia di questo gabinetto realizzato in francia 30 anni fà, la trovi anche in qualche altro paese ma realizzato quando portavi i pantaloni alla zuava.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.