Eboli: sindaco Melchionda su sanità, sicurezza in città e regolamento movida

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Eboli_Sindaco_MelchiondaIl Sindaco di Eboli Martino Melchionda si associa al Consigliere Regionale Fernando Zara che chiede a gran voce le dimissione del Direttore Generale dell’Asl Antonio Squillante, annunciando anche l’occupazione dell’ospedale per porre fine all’azione di distruzione della sanità locale nella Piana del Sele.

Il Sindaco di Eboli Martino Melchionda accoglie il grido di allarme di Zara e si dichiara pronto ad affiancarlo in questa battaglia.

A riguardo il primo cittadino dichiara: “Squillante deve dimettersi: questo è l’unico modo per salvare la sanità locale e sottrarla alla sua devastante azione.

Zara fa bene ad alzare la voce, noi ci saremo!

 Continueremo a portare avanti con determinazione questa battaglia a difesa del diritto alla salute dei cittadini, diritto, questo, mortificato e calpestato da chi governa la sanità locale.

Non possiamo tollerare che le scelte in materia sanitaria assunte dalla Direzione generale dell’Asl siano di natura politica ed elettorale e che abbiamo come unico obiettivo il ridimensionamento e addirittura la chiusura dei nostri ospedali.

I nostri ospedali sono stati occupati in maniera feudale e il piano ospedaliero presentato da Squillante altro non è che una operazione di bassa politica, una politica cieca, che non ascolta i veri bisogni dei cittadini, e che soprattutto – e questo e ciò che più ci preoccupa – riduce drasticamente l’emergenza, mettendo a serio rischio i livelli minimi di assistenza”. 

Il Sindaco di Eboli  interviene anche in merito alla problematica della sicurezza in Città, all’indomani di diversi episodi di furto che si sono consumati sul territorio comunale, destando la seria preoccupazione dei cittadini.

E’ da tempo – dichiara il primo cittadino – che mi sono fatto carico del problema sollecitando l’intervento delle forze dell’ordine.

In un anno ho chiesto per ben 5 volte la convocazione del Comitato Provinciale Ordine e Sicurezza; l’ultimo in ordine di tempi risale a poco più di 10 giorni fa. In quella sede ho chiesto un sensibile rafforzamento dei controlli, oltre che lungo la fascia costiera, anche su tutto il territorio comunale e, in particolare nelle aree divenute  bersaglio di frequenti furti ed episodi di microcriminalità.

Sono stati assunti degli impegni da parte della Prefettura, che, tuttavia, ad oggi non sono stati ancora mantenuti. Solleciterò tutte le forze dell’ordine ad una stringente e serrata azione di controllo dell’intera città.

Troppo frequentemente si ha notizia di furti ed occorre  dare adeguata risposta ai bisogni dei cittadini in termini di sicurezza, individuando metodologie di intervento capaci di dare ad essi risposte concrete.

Ho letto le parola di un esercente del centro cittadino che ha espresso tutte le sue preoccupazioni, per sé e la sua famiglia. I cittadini devono sentirsi sicuri e per fare questo occorre un monitoraggio incisivo e costante della città.              

Purtroppo gli strumenti di cui dispongono i sindaci per garantire la sicurezza in città sono molto limitati, possiamo soltanto farci portavoce dei cittadini e sollecitare tempestivi interventi.

Altro non ci è concesso di fare, per questo non esiterò a richiamare la Prefettura e tutte le forze dell’ordine al rispetto degli impegni presi”.

Intanto questa mattina, presso la Residenza Municipale, si è svolta la conferenza stampa di presentazione del nuovo regolamento che disciplina le attività musicali all’aperto, approvato dalla Giunta Comunale, con propria delibera dello scorso 29 maggio.

            Hanno presentato alla stampa il contenuto del provvedimento il presidente della Commissione Politiche Giovanili Gerardo La Manna e l’assessore alla Sicurezza Adolfo Lavorgna.

            Presente anche il presidente del Consiglio Comunale Luca Sgroia.

            Il nuovo regolamento, in particolare, nel periodo compreso dal 15 giugno al 30 settembre, prevede, dal venerdì alla domenica, il prolungamento all’una di notte delle attività di allietamento; per i restanti giorni il limite massimo resta alle 24.

            L’esercente, inoltre, deve essere in regola con il pagamento dei tributi comunali e può richiedere l’autorizzazione soltanto per una manifestazione a settimana.

            E’ tenuto anche all’obbligo di pulire le aree interessate al termine della manifestazione.

Entro il 15 giugno, chi è interessato ad essere inserito nella programmazione che l’Ente avrà cura di definire, dovrà far pervenire il calendario delle attività proposte; ferma restando la possibilità di farne richiesta successivamente per singoli eventi, la cui autorizzazione sarà comunque subordinata alla programmazione già adottata.

La richiesta dovrà pervenire, in tal caso, agli uffici almeno 7 giorni prima.

Questo regolamento – ha spiegato il presidente della commissione La Manna –  è frutto di un lavoro condiviso fatto nell’ambito di diverse sedute di commissione, che hanno visto anche la partecipazione di alcuni esercenti, di cui abbiamo raccolto le istanze.

 Esso deriva anche del confronto con il Forum della Gioventù, che nella seduta di consiglio comunale dedicata alle politiche giovanili si fece portatore della necessità di intervenire con delle modifiche alla disciplina regolamentare.

Si tratta di un provvedimento che intende garantire una maggiore apertura alla movida estiva, programmare le attività della ‘Eboli by night’ e consentire ai giovani di vivere la propria città. Il tutto nel rigido rispetto delle regole; difatti abbiamo sollecitato le forze dell’ordine ad intensificare i controlli in città”.

“Il nostro obiettivo – ha affermato l’assessore Lavorgna – è quello di garantire un equilibrio tra le attività musicali e le esigenze dei cittadini, soprattutto di coloro che abitano in prossimità dei luoghi dove più spesso si tengono gli eventi musicali e al mattino devono recarsi a lavoro.

Dunque, andiamo incontro alla movida, che rappresenta un indotto positivo per la Città, ma saremo rigidi sul rispetto delle regole: no alle bottiglie di vetro, controllo sul superamento del decibel consentiti dalla legge e sull’orario di cessazione della musica.

Il mancato rispetto delle regole determinerà la sospensione dell’evento; previste anche sanzioni significative e la possibilità di esclusione dalla programmazione. 

            Per garantire maggiore sicurezza, anche dopo l’orario di cessazione delle attività musicali, verificheremo la possibilità di predisporre una pattuglia notturna della polizia municipale, presto si svolgerà una conferenza di servizi con tutte  le forze dell’ordine”.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.