Aser Salerno: iniziata procedura licenziamento collettivo, dramma si trasforma in tragedia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
aser_lavoratori_protesta_2Con l’inizio della procedura di licenziamento collettivo attivata dalla curatela fallimentare, i 35 lavoratori dell’Aser e le loro famiglie sono da oggi letteralmente “in mezzo ad una strada”. «Cosa stanno facendo nel frattempo gli organi politici ed i dirigenti della Provincia di Salerno e della società provinciale Ecoambiente Salerno? Nulla» – scrivono in una nota gli ormai ex lavoratori. «L’Assesspre Bellacosa e la dirigente del servizio finanziario avevano intimato alla Ecoambiente Salerno l’immediata sospensione di tutti quei rapporti di lavoro non legittimati dalla normativa vigente in favore di quei lavoratori (Aser) aventi diritto, ma ricevendo in riscontro un nulla di fatto senza alcuna reazione ulteriore.

La Ecoambiente Salerno – prosegue la nota- ha tuttora sotto contratto interinali e collaboratori, oltre al fatto che vi sono servizi appaltati a cooperative esterne. Mentre dura da quattro lunghissimi ani la nostra legittima e sacrosanta richiesta di ricollocazione nel ciclo integrato dei rifiuti, la Provincia, i suoi dirigenti, la sua società provinciale continuano impunemente a fare ciò che vogliono» La nota si conclude con un passaggio disperato: «Perchè a fronte di denunce, pubbliche manifestazioni e clamore mediatico, nessuno interviene? Si aspetta forse il gesto estremo?»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. Non hanno soldi e mettono alla fame tanti lavoratori e le loro famiglie ma poi nella gestione vanno a pagare fitti da migliaia e migliaia di euro ai loro amici di merenda… devono vergognarsi x tutto il male che hanno fatto sulla pelle dei dipendenti i meglio disoccupati, altri in questa città !

  2. Questa è una notizia pubblicata da 12 ore e più. Non ci sono commenti! Che schifo!!!!!

  3. Fate risolvere il problema alla politica, DE LUCA dove sei anche QUESTI lavorato hanno contribuito alla citta Europea e questo e il risultato, grazie a tutti voi di destra e di sinistra grazie a Landolfi che ha fatto di tutto per risolvere il problema occupazionale nella nostra città, grazie a Iannone e Cirielli che sono stati lungimiranti a far si che questa azienda fallisse, grazie a Celano che ha saputo driblare il problema Aser dandolo in pasto ad sig. Capo di Ecoambiente ed infine un grazie a tutti quelli che non sono nati a SALERNO, ma che hanno contribuito a distruggere un’azienda sana fatta di Salernitani ed infine un grazie ai Sindacati che in un momento storico come questo sono riusciti a far perdere 34 posti di lavoro ( UNICA AZIENDA A LIVELLO NAZONALE LAVORANTE NEL CICLO INTEGRALE DEI RIFIUTI IN CAMPANIA ) ad essere stata dichiarata fallita.

  4. ED, INTANTO, A ROMA… … … I NOSTRI GRANDI POLITICANTI DEL CAXXO, CONTINUANO A STRAFOTTERSI STIPENDI ESORBITANTI …23.000…28.000 EURO AL MESE !!!
    MA LA RICREAZIONE FINIRA’ PRIMA O POI …

  5. Caro Aldo no non finirà perché ormai il popolo non ci serve più, si voteranno tra loro per essere eletti di volta in volta fin quando il paese italia inploderà irreversibilmente , mentre noi resteremo a guardare.

  6. il problema dell aser non e tanto de luca a cui non compete la questione ma dei signori cirielli celano e corona per quanto riguarda cirielli non ha mai voluto incontrare i lavoratori chiudendosi sempre ad ogni dialogo per quanto riguarda celano ha assunto tanti impegni senza mantenenerne mezzo poi ce corona che e telecomandato anche lui fuggiva agli incontri con i lavoratori aser l azienda aser era sanissima e vantava crediti verso terzi di un milione e mezzo di euro con un fatturato di quattrocentoottantamila mila euro mensili unica a trattare in campania rifiuti come frigo computer monitor raae ingombranti smaltiti alla luce del sole ora chiedo ai signori sopra dove vanno questi rifiuti? inoltre l aser poteva dare lavoro a molti altri lavoratori inoltre in questi anni dall inizio della liquidazione i due commissari liquidatori nominati dalla provincia hanno prodotto oltre due milioni di euro di perdite come dai bilanci prodotti da questi signori demandati dalla provincia e hanno lasciato e scaricato la patata bollente al terzo commissario liquidatore brava persona ma incapace in quando il danno prodotto dai due precedenti commissari liquidatori era ormai irreversibile infine la curatela fallimentare che ha nominato un curatore fallimentare chiuso ad ogni trattativa che ha defintiivamente affossato l azienda in questi anni di lotta i lavoratori hanno trovato molti ponzio pilato ricordo solo che con la recente legge lregionale i lavoratori aser e con un altra legge prima dovevano essere i primi ad essere ricollocati invece oggi la societa ecoambiente continua a impiegare lavoratori interinali di societa cooperative di comodo e di consulenze esterne facedonsi beffe delle leggi e dei lavoratori alla fame mi chiedo ma la magistratura dove ?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.