Il nuovo proprietario della Sampdoria nel 2010 voleva la Salernitana

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
Ferrero_10Aveva pensato prima alla Salernitana, nel 2010. Oggi, invece si prende la Sampdoria. Nato 62 anni fa a Testaccio, 5 figli, e una passione antica per il calcio quella di Massimo Ferrero, noto per decenni con il soprannome di «Viperetta». Il nuovo proprietario della Sampdoria è il “re” delle sale cinematografiche di Roma è il linguaggio e l’accento vanno preso per quello che sono, diretto, sicuramente uno che se ne infischia dei modi formali e parla con i fatti: “Aurelio De Laurentis? si è ispirato a me”. Così il nuovo presidente della Squadra blucerchiata ha risposto a chi gli chiedeva se volesse seguire le orme del presidente del Napoli.

Sono passati neppure otto mesi da quando per 64 milioni di euro l’imprenditore capitolino ha acquistato le 15 sale cinematografiche dell’ex circuito Cecchi Gori attraverso Mediaport, subito ribattezzate Ferrero Cinemas. Al suo gruppo appartengono oltre a quelle dell’ex circuito altri 45 cinema per un totale di 60 sale. Ha debuttato giovanissimo nel mondo della produzione e negli anni Settanta e Ottanta ha realizzato come direttore di produzione film come A mezzanotte va la ronda del piacere, L’anatra all’arancia, La chiave.

Negli anni Novanta è diventato produttore esecutivo con titoli come Ultrà di Ricky Tognazzi, Fermo posta di Tinto Brass, La bambola di Bigas Luna e solo recentemente con la figlia Vanessa si è buttato a capofitto anche nella produzione televisiva. Tra le sue ultime prove Mia Madre, fiction tv Rai con Bianca Guaccero e Il generale dei briganti, miniserie tv prodotta con la sua Ellemme Group e Il Ritmo della Vita realizzata per Rti. Nella storia recente figurano al tra i suoi film ci sono Ma l’amore sì con Anna Maria “Sconsolata” Barbera (2005) e Tutte le donne della mia vita con Nicola Zingaretti (2007). La leggenda vuole che abbia fatto i soldi con l’export di prodotti caseari negli Stati Uniti. Questo business, in effetti, fa capo alla famiglia della moglie, Laura Sini. Nel 2010 è stato ad un passo dall’acquisire la Salernitana mentre nel 2013 è incappato nel fallimento della compagnia aerea Livingston con conseguenti strascichi giudiziari

Fonte ANSA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Sarà anche così, non ne dubito, purtroppo nessunno se ne accorto….come mai?????

  2. Luigi perchè non ti proponevi tu?Una bella IIIì Categoria forse riuscivamo a farla o no!?E chi può dimostrare che sarebbe andata meglio?Non sono un ammiratore di Lotito ma certamente non sono all’altezza di fare ciò che sta facendo Lui qui a Salerno.

  3. ma questi lotitiani che spuntano come funghi sul web, ovunque! tornate nelle vostre tane perché ormai giocate a carte scoperte…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.