Al Museo Virtuale della Scuola Medica Salernitana: “Sogno di una notte di inizio estate”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

Museo_Virtuale_Scuola_Medica_Salernitana-e1364216110164La cooperativa Galahad che gestisce il calendario eventi e la biglietteria del Museo Roberto Papi e del Museo Virtuale della Scuola Medica Salernitana, con il patrocinio della Fondazione della Scuola Medica Salernitana, presenta “Sogno di una notte di inizio estate”, l’affascinante mostra dei lavori di Mariagrazia Cappetti, Deborah Napolitano e Maria Scotti. L’esposizione verrà inaugurata domenica 15 giugno alle ore 18, nella splendida cornice delMuseo Roberto Papidi via Trotula de’ Ruggiero. Seppur estremamente differenti per percorsi e formazione le tre artiste sono inserite nel panorama della ceramica contemporanea. “La diversità non limita l’operato ma stimola ed accresce la propria forza creatrice se atta alla ricerca ed alla sperimentazione. Nella metafora di un tempo che volge il suo sguardo al domani, Mariagrazia Cappetti orienta il suo lavoro verso un’impostazione spaziale dell’opera-installazione. – ha osservato il critico Giada Caliendo che ha curato l’esposizione – La sua è una ceramica che racchiude e contiene l’elemento acqua, si orienta verso la forza percettiva della purezza, della fluidità, della trascendenza.

L’oblio di Titania e la mano di Oberon sussurrano al fruitore le vicende di una notte stellata mediante la lucentezza degli smalti e la pregnante materialità della terracotta. Deborah Napolitano si dedica sapientemente alla manipolazione dell’argilla e realizza elmi riferibili a satiri o a figure mitologiche, probabilmente allo stesso Puck che Shakespeare definisce discolaccio, folletto bugiardo e malizioso. Le sue sono opere lineari, dotate di un plasticismo essenziale in cui il minimalismo delle figure rigorose batte il tempo su un unico profondo ritmo cromatico. – continua – Per Maria Scotti il linguaggio è preferenzialmente iconico, le linee contornano i suoi lumi con variopinti uccelli, fronde e frutti della selva shakespeariana. La rappresentazione si inerpica sulla superficie in un susseguirsi di farfalle, melograni, foglie per celebrare la prosperità della natura. Il segno viene usato quale narrazione del linguaggio bidimensionale della pittura sulla ceramica in un crescendo di significati simbolici”.

Non resta, dunque, che visitare, la promettente esposizione dal giovedì al sabato (9:30-13 e 18-20) e la domenica solo di mattina, presso il Museo Roberto Papi, dal 15 al 22 giugno 2014. L’appuntamento con l’inaugurazione, invece, è per domenica 15 giugno alle ore 18. L’ingresso alla mostra sarà totalmente gratuito e, come di consueto, chiunque volesse conoscere i tesori del Papi, potrà visitare il Museo ai prezzi ordinari (3 euro biglietto intero/ 1 euro biglietto ridotto per studenti e over 65).

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.