Crac Amato: avvocato, bancarotta Ifil C&D? Non ancora fallita. Sotto inchiesta anche figlio sindaco Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
9
Stampa
 giustizia“É una storia vecchia che risale a quasi un anno fa. Al momento il fallimento della società Ifil C&D s.r.l. non è stato dichiarato, quindi non si comprende come stia in vita un’indagine per bancarotta quando il presupposto del fallimento della società manca”. E’ quanto dichiara all’Ansa l’avvocato Cecchino Cacciatore in merito alla vicenda che vede indagati per concorso in bancarotta fraudolenta Piero De Luca , figlio del sindaco di Salerno, e Mario Del Mese, nipote dell’ex deputato Udeur Paolo Cacciatore difende proprio Mario Del Mese, che risulta indagato per evasione fiscale. L’inchiesta nata da una costola del crac Amato riguarderebbe alcuni lavori effettuati per la realizzazione della Cittadella Giudiziaria.
Secondo l’ipotesi avanzata dai finanzieri del Nucleo di polizia tributaria Piero De Luca sarebbe stato un socio occulto della Ifil C&D che avrebbe ricevuto commesse anche per effettuare alcuni lavori in Piazza della Libertà. “Posso parlare solo del mio assistito – conclude l’avvocato Cacciatore – quella apparsa oggi su alcuni quotidiani locali,è una notizia ripresa e rispolverata all’indomani del rinvio dell’udienza dinanzi alla sezione fallimentare relativa alla trattazione del fallimento della Ifil che è stata aggiornata al prossimo 27 novembre. Sull’argomento non chiedetemi nulla di più”.
Fonte ANSA
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

9 COMMENTI

  1. Ma chi quello il cui padre voleva candidare al suo posto alla Camera nel giro di una notte in barba a regolamenti del PD e, soprattutto, a rapporti tra persone?
    Ma sa’ che è sempre quello!

  2. Ora si comincia a capire perché “ottenebrato” da questo Crescent ha smesso si fare il Sindaco.

  3. MA NON E’CHE CI DAVANO TANTO FASTIDIO LE “CASTE”?
    MA POSSIBILE CHE SIAMO TANTO SUDDITI DA NON PENSARCI AD UNA SITUAZIONE COME QUESTA?Comunque il signore in questione può stare “SERENO”,come dice lui.I soldi cominciando dal crack amato è chiaro che non sono più in Lussemburgo.Ma se a qualcuno gli viene lo schiribizzo di andare a controllare in qualche paese a sud dell’Europa od in qualche isola vicino all’ Africa,forse una nazione,come và a finire?
    LE INDAGINI NON COMINCIANO PER FANTASIA,NE PER ALLUCINAZIONI!E NE’PER LO SFIZIO DI QUALCHE QUOTIDIANO…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.