I tempi della giustizia civile, un ostacolo all’impresa italiana. Salerno al terz’ultimo posto

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
GIUDICE_Giustizia_Avvocati_LeggeIn Italia il “fare impresa” è ostacolato anche dai tempi della giustizia civile: considerata dalla Banca Mondiale tra i principali indicatori per valutare il contesto di imprenditorialità di un Paese, la tempistica della giustizia civile in Italia raggiunge la media record di 1.132 giorni, contro i 544 dell’Unione europea. Secondo l’Ufficio studi di Confartigianato su dati ministero della Giustizia, il tribunale di Genova (che comprende i circondari di Savona, La Spezia, Chiavari, Imperia, Sanremo e Massa) fa aspettare quasi un anno in più della media europea: ben 872 giorni per concludere un procedimento civile (al sesto posto sui 26 tribunali ordinari italiani). Nelle ultime posizioni Messina (1.989 giorni), Salerno (1.897), Potenza (1.831) e Catanzaro (1.704); nelle prime, tra i distretti più virtuosi, Torino (666 giorni), Trieste (655) e
Trento (601). Anche in quest’ultimo distretto italiano più virtuoso si rilevano tempi dei procedimenti civili superiori del 10,5% alla media di 544 giorni nell’Ue a 27.

Un’attesa che si traduce in un considerevole dispendio di energie, soprattutto economiche, per gli oltre 582mila titolari di micro e piccole imprese coinvolti in cause civili, di cui oltre 191 mila artigiani: i costi che gravano sulle imprese per i ritardi della giustizia ammonterebbero a 1.032 milioni di euro. Di questi, 488 milioni derivano da ritardi nelle cause di recupero crediti, mentre per i rimanenti 543 milioni si tratta di fallimenti. “I tempi della giustizia civile – spiega Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianato Liguria – influiscono in generale sulle linee di sviluppo fisiologico delle imprese e contribuiscono a tenerle più piccole: il fattore giustizia influenza negativamente la produttività delle imprese, soprattutto quelle di minore dimensione, nelle quali non sono presenti unità specializzate nella gestione del contenzioso. I dati confermano questa chiave di lettura: all’aumento della dimensione media aziendale, corrisponde una diminuzione della durata delle cause civili. Per questi motivi l’artigianato ligure è il settore più penalizzato”.

Negli ambiti più strettamente legati alla vita delle imprese, la maggiore incidenza delle cause è per il lavoro (20,5%), seguito da contrasti tra cliente e fornitore (14,4%), assicurazione e banca (10,3%) e fallimento e diritto societario commerciale (7,4%). Tra imprenditori e lavoratori autonomi coinvolti in una causa civile, nell’81,4% dei casi il grado di giudizio dell’ultimo procedimento è risolto in tribunale, il 14,8% presso un giudice di pace, l’1,2% in Corte di cassazione e solo lo 0,9% in Corte di appello.
Per gli ambiti prevalentemente extra-professionali invece la maggior incidenza di cause è legata alla famiglia (38,2%), seguito da contrasti condominiali/vicinato (6,9%)e sfratto (5,8%).
Il 5,9% dei lavoratori indipendenti poteva avviare una causa civile ma ha deciso di non farlo. I motivi sono dati dal costo eccessivo rispetto ai vantaggi (33,7%), la risoluzione per proprio conto (25,0%), l’eccessiva durata della causa (24,9%), il risultato incerto (18,4%), la complessità delle procedure (16,6%) e la mancata disponibilità delle somme per accedere al procedimento (13,2%).
Secondo gli imprenditori e lavoratori autonomi l’aspetto della giustizia civile che andrebbe prioritariamente migliorato è la durata della causa, indicato in 3 casi su 4 (75,4%), seguito dalla semplificazione della burocrazia (57,6%), puntualità delle udienze (31,6%), disponibilità dei giudici (30,7%), chiarezza sul costo complessivo (27,7%), correttezza degli avvocati (24,4%), chiarezza sulla durata (23,2%), chiarezza sulla parcella (22,1%) e dalla chiarezza sulla possibilità di successo (20,6%); più contenute le indicazioni di miglioramento sull’imparzialità dei giudici (18,7%), la competenza avvocati (17,4%), la chiarezza informazioni
(16,3%) e la reperibilità degli avvocati (10,4%).

Circa la metà dei lavoratori indipendenti conosce le forme alternative della giustizia civile; l’arbitrato è rilevato nel 47,2% dei casi, mentre il 50,3% è a conoscenza della mediazione civile: un procedimento ordinario portato avanti con questa forma alternativa dura in media 88 giorni e nei venti mesi di obbligatorietà della stessa (da fine marzo 2011 a metà dicembre 2012), la mediazione civile ha determinato un risparmio di 420 milioni di euro a imprese e famiglie. Allo stesso modo, le oltre 42mila conciliazioni gestite dalle Camere di Commercio presentano una durata media di 46 giorni e una stima di risparmio per imprese e famiglie di 130 milioni di euro (dati Unioncamere).

Fonte Città della Spezia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.