Estate: Federconsumatori, partiranno solo 18,6 mln italiani

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
turisti_salerno_busLe prospettive turistiche degli italiani per il 2014 rimangono incerte sia in tema di prenotazioni che di durata vacanze, presagendo o lanciando l’ennesimo segnale di crisi. A sostenerlo sono l’Ente nazionale bilaterale del turismo e la Federconsumatori, che oggi hanno presentato i dati su viaggi e vacanze in Italia e all’estero la prossima estate. Secondo l’Osservatorio nazionale Federconsumatori, quest’anno solo il 31% degli italiani partirà per le tradizionali vacanze estive di almeno una settimana, pari a circa 18,6 milioni di cittadini. A livello nazionale le tariffe medie alberghiere pro capite in camera doppia, con trattamento di pensione completa, variano dai 65 euro al giorno in bassa stagione ai 92 euro in alta stagione.

Nel Sud e nelle isole le tariffe medie nella settimana di Ferragosto salgono a 114 euro. Rispetto al 2013 le tariffe medie sono tutte in leggero aumento, dall’1,2% all’1,5%. Per una famiglia di tre componenti che si sposta da Milano a Rimini per una vacanza nella settimana di Ferragosto, il costo complessivo compreso soggiorno e trasporto ammonta a 1409 euro viaggiando in auto (berlina a benzina) e 1605 euro viaggiando in treno (Freccia Rossa base). Per quanto riguarda il soggiorno nelle località balneari estere, l’indagine ha preso in considerazione pacchetti volo+hotel o villaggio turistico in Spagna, Egitto, Grecia, Turchia, Tunisia, Slovenia e Croazia, nella settimana di Ferragosto (soggiorno di 8 giorni e 7 notti). Le mete più convenienti restano Slovenia e Croazia, con una media 653 euro a persona a soggiorno in camera doppia, la più cara la Grecia, 1294 euro. In significativa flessione le tariffe in Egitto, -3,6%, mentre aumenta del 3,9% la Turchia, con la località balneare di Antalya.

Sul fronte del turismo nelle città d’arte, sono state prese in considerazione le città Lisbona, Barcellona, Madrid, Parigi, Londra, Amsterdam, Istanbul, Vienna, Praga, Berlino, Mosca, San Pietroburgo per un soggiorno di quattro giorni e tre notti nella settimana di Ferragosto. La più cara risulta essere San Pietroburgo, con una media di 937 euro a persona, la più conveniente Praga, che, con un prezzo medio di 409 euro, risulta offrire il miglior rapporto qualità/prezzo in relazione ai servizi offerti. La stagione crocieristica 2014 segnerà, secondo lo studio, dopo anni di crescita costante, una contrazione del mercato crocieristico nazionale rispetto a quello della stagione 2013, archiviata in crescita.

La tariffa individuale di partenza per una crociera nel bacino Mediterraneo della durata di 8 giorni/7notti, è mediamente quantificata in 1.955,57 euro (minimo 1.584,52 euro, massimo 2.522,69 euro) con una variazione in contrazione del 4% rispetto ai valori dell’anno precedente. Sempre oggi arrivano buone notizie dall’Osservatorio Federturismo-Pragma, secondo la quale sarà un’estate particolarmente “calda” per l’inbound, con 26 milioni di viaggiatori stranieri in arrivo tra giugno e agosto ed una spesa complessiva che potrebbe superare i 13 miliardi di euro. “E’ necessario il massimo impegno per ampliare la tutela dei turisti”, ha detto Mauro Zanini, vice presidente Federconsumatori. Per Lucia Anile, vicepresidente dell’Ente nazionale bilaterale del turismo, “i dati presentati oggi evidenziano quanto il nostro Paese possa far di più proprio in termini di competitività, investendo in infrastrutture, promozione e formazione professionale”.

Emma Petitti, componente della X Commissione Attività Produttive alla Camera, ha sottolineato come sia necessaria “una riorganizzazione della governance del turismo, che riprenda in mano, a livello nazionale, la promozione dell’offerta turistica del nostro Paese. Il semestre di presidenza Europea e l’Expo 2015 rappresentano una grande opportunità a cui non possiamo mancare. Il Governo – ha concluso – è impegnato all’approvazione del decreto sul turismo entro fine luglio per dare vigore ad una nuova politica sul turismo”.

Fonte ANSA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. e se facessimo pagare un’euro a testa = 18,6 mln di euro………nessuno si tirerebbe indietro…….cosa ne dite??????

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.