Fisciano: Penta gremita per ricordare la figura di E. Berlinguer a 30 anni dalla sua scomparsa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Incontro_Penta_BassolinoGrande partecipazione di pubblico a Penta, frazione del Comune di Fisciano, che martedì 17 giugno, in Piazza Vittorio Emanuele, ha ricordato la figura di un grande uomo e personaggio della recente storia politica italiana: Enrico Berlinguer nel trentesimo anniversario della sua morte. Dopo i saluti del Sindaco di Fisciano, Tommaso Amabile, ci sono stati gli interventi di: Michele Pirone, segretario provinciale di Salerno FLC – CGIL, Alfonso Amendola, Giovanna Truda e Carmine Pinto, tutti docenti dell’Università degli Studi di Salerno e la straordinaria partecipazione dell’On. Antonio Bassolino. Il dibattito è stato coordinato da Giuseppe D’Auria, membro del Comitato 1° Maggio. Il sindaco Amabile, che ha preso la parola per salutare i relatori e le persone che affollavano Piazza Vittorio Emanuele, ha fatto riferimento ai valori della famiglia tanto cari all’ex segretario del Partito Comunista Italiano. Ammirevole l’intervento di Truda che, in qualità di unica rappresentante del gentil sesso tra gli ospiti, ha ricordato la posizione politica che Berlinguer aveva assunto nei confronti della donna. “Non può essere libero un uomo che opprime una donna”: questa, una delle più brillanti considerazioni sulla condizione della donna espressa dal principale esponente dell’eurocomunismo.

Bassolino, nel suo intervento ha fatto un excursus storico – politico dell’uomo e del politico Berlinguer, negli anni fiorenti del comunismo italiano. “Dobbiamo evitare ogni tipo di retorica – ha detto Bassolino – ed evidenziare una straordinaria esperienza e la sostanza e anche cogliere i limiti di Berlinguer e del Partito Comunista”. “A Berlinguer va attribuito uno straordinario riconoscimento – ha continuato Bassolino – perché il PCI, di cui Berlinguer fu segretario, è stato diverso dagli altri partiti comunisti nel mondo e poi era molto di più di un partito politico. Era un grande soggetto politico e una grande comunità di donne e uomini era quasi uno Stato nello Stato come una chiesa. Il PCI era un mondo con i suoi pregi e i suoi difetti”. “La cosa più bella di Berlinguer – ha ricordato l’ex sindaco di Napoli – era il sorriso. Aveva il dono di saper ascoltare e interloquire e uno sguardo profondo”. “Il problema più grande oggi – ha concluso Bassolino – è la crescita dell’astensionismo e la lontananza della politica dalla gente. Un’Europa lontana e poco democratica. Dobbiamo far in modo che la politica riesca a partire dalle persone così come sono e dai loro bisogni”. Al dibattito hanno preso parte anche altre figure istituzionali della Valle dell’Irno tra cui i neoeletti sindaci di Baronissi e Montoro Inferiore, Gianfranco Valiante e Mario Bianchino. Al termine del dibattito c’è stata la proiezione del film “La Voce di Berlinguer” del regista Mario Sesti.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.