Salerno: costretto a fare da autista ai rapinatori della gioielleria a Pastena, Avv.Cammarota dimostra estraneità ai fatti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa

GIUDICE_Giustizia_Avvocati_LeggeIn questi due giorni le cronache giudiziarie hanno riferito di una rapina a mano armata in via Posidonia di Salerno, presso la gioielleria “Margherita”, riportando come autore del fatto D.N. A., arrestato per “tentata rapina in concorso con persona ignota”, perché avrebbe fatto da “palo”, attendendo il complice fuori dalla gioielleria per darsi alla fuga.

Oggi, nel corso dell’udienza di convalida in carcere davanti al GIP dott.ssa Zambrano, il D.N.A, da me difeso, giovane imprenditore incensurato, ha potuto dimostrare la sua assoluta estraneità ai fatti contestati perchè vittima e non complice, in quanto sottoposto a sequestro di persona dal rapinatore in fuga che era entrato nella sua auto costringendolo, con la minaccia dell’arma, a farsi trasportare fino a Parco Arbostella.

 

In particolare, il D.N.A era stato al mare con delle amiche e poi era rientrato a casa della madre per assistere alla partita della Nazionale in via Gaetano Angrisani, distante “centinaia di metri” dalla gioielleria, come dimostrato dal deposito delle mappe stradali; e dopo aver subito l’intrusione del rapinatore e costretto a fare da autista, lo stesso D.N.A rientrava a casa, ancora in via Angrisani, dove trovava i poliziotti, ai quali si rivolgeva per denunciare il fatto.

 

All’esito dell’udienza e delle esposizioni difensive il GIP, nella ordinanza di scarcerazione, riferisce infatti che l’arresto del D.N.A. è ingiustificato per “un quadro indiziario contraddittorio” per cui è “del tutto inverosimile che abbia rivestito il ruolo di palo”, ovvero “risultando plausibile che egli di rientro a casa sia stato bloccato da uno sconosciuto e, paralizzato dal terrore di essere colpito, abbia eseguito i suoi ordini, suo malgrado, per assicurargli la fuga”.

 

Con viva preghiera di diffonderne con lo stesso rilievo della notizia dell’arresto, al fine di restituire a D.N.A la verità dei fatti.

 

Avv. Antonio Cammarota

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Strano che uno che viene sequestrato se ne torni a casa invece di correre a denunciare il fatto.

  2. Concordo in pieno con avicenna71 , ma verament facimm…. uno che viene sequestrato torna a casa e fortuna trova i carabinieri ad attenderlo in modo che possa denunciare il fatto. Ma per favoreeeeeeeeeee facesse i nomi per favore.

  3. Spero non vi capiti mai una cosa del genere ne a voi ne ai vostri familiari, certo uno con il costume rapina una gioielleria sotto casa sua!!! Poi da pastena luogo della rapina e casa arriva al parco arbostella e torna di nuovo a casa…..bravi voi….informatevi meglio.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.