Dal 30 giugno Pos obbligatorio per i professionisti. Gli artigiani: «Regalo alle banche»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
11
Stampa

pos_bancomatScatta da domani 30 giugno, per professionisti ed imprese, l’obbligo di accettare i pagamenti superiori ai 30 euro anche attraverso le varie forme di pagamento elettronico: bancomat, carte di credito e di debito. Un obbligo che ha il doppio fine di semplificare la vita dei consumatori ma anche di contribuire alla lotta all’evasione. Ma un obbligo che non piace ai commercianti, che lamentano i costi che da questo derivano, e un obbligo che è in realtà un obbligo a metà: non sono infatti previste sanzioni per gli inadempienti. Ad introdurre la novità è il decreto “crescita bis”, il numero 179 del 2012, che inizialmente aveva stabilito che l’obbligo scattasse dal primo gennaio di quest’anno e riguardasse solo i soggetti che fatturavano più di 200mila euro l’anno. Poi la proroga al 30 giugno ha fatto cadere questa prescrizione e da domani l’obbligo varrà per tutti.   Un obbligo che scatta per i pagamenti superiori ai 30 euro e che interessa tutti: commercianti, artigiani, imprese e studi professionali.

Dal ristorante all’idraulico, dal falegname al dentista, dal parrucchiere a tutte le attività professionali siano essi notai, avvocati, architetti o commercialisti. Nessuna sanzione per gli inadempienti. Sanzioni che saranno forse introdotte in un secondo momento, quando magari i costi di installazione e gestione dei Pos saranno resi più abbordabili, ma la cui attuale assenza rende l’obbligo una sorta di “dichiarazione d’intenti”.   Nella pratica quotidiana i cittadini potranno quindi chiedere di pagare attraverso la moneta elettronica ma, in caso di risposta negativa, non potranno né evitare di pagare né denunciare la mancanza del professionista a cui si sono rivolti.   I professionisti contrari Molte nel mondo del lavoro le voci contrarie alla novità, soprattutto per i costi che questa comporterebbe. Secondo Confesercenti, un imprenditore che realizza transazioni per circa 50mila euro l’anno tra costi di installazione, canoni e commissioni pagherà all’incirca 1700 euro l’anno.

Per cui nel complesso il mondo delle imprese per questi servizi dovrebbe versare 5 miliardi. Per la Cgia di Mestre con 100mila euro di movimentazione il costo annuo dovrebbe oscillare da 2.478 a 2.608 euro a seconda delle tecnologie utilizzate (semplice Pos, Pos cordless o Gsm) che al netto delle detrazioni fiscali scende poi a 1.183-1.240 euro. Secondo uno studio dei Consulenti del lavoro il canone oscilla dai 10 euro del Pos standard ai 28 del Gsm. Per ogni operazione si pagano poi 20 centesimi per la chiamata ad un numero automatico ed una commissione bancaria che in media si aggira sul 2% dell’importo transato.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

11 COMMENTI

  1. solo altre tasse, come se qualcuno di noi ne sentisse il bisogno..

    inoltre pian piano viene dichiarato, di fatto, illegale la moneta contante emessa dallo Stato stesso (dalle euro-banche in realtà..), con la scusa della lotta all’evasione avranno il controllo totale dei popoli, i cui risparmi saranno sempre più un numeretto sul pc di qualche banca: potranno scriverci quello che vogliono, aggiungere e sottrarre a piacere! non è una mia fantasia.. chi ha un conto con partita iva (ma non solo) sicuramente vedrà tante voci più o meno fantasiose, già addebitate in conto e senza reali possibilità di contestazione..

    l’idraulico che evade mille euro (cosa negativa dal punto di vista dell’equa ripartizione delle spese), poi spenderà mille euro in qualcosa, per sé o per i figli, magari vestiti ristoranti moto.. e l’economia gira lo stesso; un banchiere o grande imprenditore che evade e porta miliardi e industrie all’estero (cosa che non è per niente impedita da questo assurdo obbligo dei 30€) impoverisce realmente l’Italia.
    Ma di questo a Renzi Monti Letta non importa nulla, anzi è quello il loro scopo, sono stati messi lì per questo.

  2. Continua l’opera dei regali alle banche sia della sovranità nazionale sia del poco denaro rimasto agli italiani. L’opera iniziata con quel grandissimo servo dell’Europa che risponde al nome di Monti, continuata con quell’altro grandissimo servo dell’Europa che risponde al nome di Letta e che continua col golpista Renzi! Ma non basta pagare con un assegno o con un bonifico? Non sono forme di pagamento tracciabili? Che aspettiamo a far capire a questi svenditori che quest’andazzo deve finire? Che rifiutiamo tutto ciò che non abbiamo scelto e che ci viene imposto da altri con cui non vogliamo condividere niente?

  3. ……….e cos’altro vuoi dire ? Oltre ai soldi sta finendo anche il fiato per parlare !
    p.s. o’ limone quando l’ai finito di spremere ti resta solo la scorza in mano e con quella non so cosa ci puoi fare !

  4. e’ finita……e’ finita…….chiuderemo in tanti…..ora basta…….e che lo Stato ora deve mantenerci….abbiamo famiglie, figli da crescere…e poi vedremo …vedremo…..ITALIA CHIUSA X FALLIMENTO……..

  5. secondo me siamo pronti per una guerra civile,intorno a noi non si è risparmiato nessun stato,questo sempre a vantaggio di chi ci manovra come burattini…..ora è il nostro tempo e poco possiamo fare per non arrivarci ……….tutto questo solo per la sete di denaro …………………..

  6. Potevate mettervelo quindici anni fa il POS, le banche lo regalavano e facevano pure sconti e offerte. Ma voi avete preferito frusciarvi i contanti per farvi i fatti vostri e derubare la nazione.

    Adesso lo mettete, pagate quello e quell’altro e state pure zitti.

    La cosa divertente è che non ci sono sanzioni, quindi i pezzenti più furbi di voi continueranno come se niente fosse. Peccato che la vera rivoluzione è per i CLIENTI. Ancora non vi siete resi conto di come TUTTI stanno spiegando alla gente i numerosissimi vantaggi di pagare con la carta. Vantaggi che potevano essere i vostri, e invece oggi sono tutti della gente che avete derubato per decenni. Semplicemente la gente normale, i dipendenti, i pensionati, insomma la maggioranza, lentamente si abituerà a pagare con la carta, ed eviterà di andare dai pezzenti come voi che non permetteranno di pagare col POS perchè sono furbi e poi tanto non c’è sanzione.

    Lentamente a pagarvi in contanti resteranno solo i delinquentucci e i pezzenti come a voi che non hanno manco i soldi per piangere. Solo i vecchi scimuniti che vanno a fare la spesa contandosi pure i centesimi e chiedendovi lo sconto pure sul singolo euro.

    Tempo cinque dieci anni e sarete tutti falliti. E nessuno vi rimpiangerà.

    Pezzenti!

  7. GRAZIE AL GOVERNO DEL P.D. & C. DI RENZI – CHE HA MESSO TASSE A NON FINIRE DOPO AVERE INGANNATO IL POPOLO CON LA PROMESSA DI DIMINUIRLE-
    GRAZIE A DE LUCA & C. DEL P.D. CHE CONTINUA AD AUMENTARE LE TASSE ( E NON DICA IL GOVERNO NON CI PASSA PIU’ NIENTE –
    I NOSTRI SOLDI VANNO NELLE SOCIETA’ MISTE E NEI TEATRI E NEI CONTRIBUTI AGLI SPETTACOLI E FIERE DEI FEDELISSINI – )
    NON A PULIRE IL MARE O LA CITTA’ CHE CONVIVE TRA I RATTI –
    GRAZIE AL POPOLO ITALIANO CHE NON SI MUOVE DOPO AVERE DATO IL 60% DEI VOTI AL PD.
    NON SIETE ANCORA STANCHI ? NON VOLETE PRENDERE PROVVEDIMENTI ? NON VOLETE CAMBIARE ?
    NON SONO UN BERLUSCONIANO MA DEVO DIVENTARLO PERCHE’ SOLO IL GOVERNO BERLUSCONI NON HA FATTO TANTO SCHIFO

  8. GRAZIE AL GOVERNO DEL P.D. & C. DI RENZI – CHE HA MESSO TASSE A NON FINIRE DOPO AVERE INGANNATO IL POPOLO CON LA PROMESSA DI DIMINUIRLE-
    GRAZIE A DE LUCA & C. DEL P.D. CHE CONTINUA AD AUMENTARE LE TASSE ( E NON DICA IL GOVERNO NON CI PASSA PIU\’ NIENTE –
    I NOSTRI SOLDI VANNO NELLE SOCIETA\’ MISTE E NEI TEATRI E NEI CONTRIBUTI AGLI SPETTACOLI E FIERE DEI FEDELISSINI – )
    NON A PULIRE IL MARE O LA CITTA\’ CHE CONVIVE TRA I RATTI –
    GRAZIE AL POPOLO ITALIANO CHE NON SI MUOVE DOPO AVERE DATO IL 60% DEI VOTI AL PD.
    NON SIETE ANCORA STANCHI ? NON VOLETE PRENDERE PROVVEDIMENTI ? NON VOLETE CAMBIARE ?
    NON SONO UN BERLUSCONIANO MA DEVO DIVENTARLO PERCHE\’ SOLO IL GOVERNO BERLUSCONI NON HA FATTO TANTO SCHIFO

  9. A morte i pezzenti: quando tutti i pezzenti saranno morti tu andrai a fare la spesa (cioè a prendere un pezzo di pane, latte e acqua assegnati dallo Stato) con la tessera per il cibo razionato. Complimenti per l’evoluzione, questo sì che vuol dire progredire e far progredire una nazione! ancora un po’ e ci sarete riusciti

  10. Non mi sento un pezzente. Ma soltanto male informato !

    Io, credo, che la cosa non sia stata sufficientemente pubblicizzata e, non volendo mettere in dubbio le parole di chi definisce pezzente una persona che cerca dignitosamente ti tirare avanti, cmq sfido chiunque a mostrare un’articolo di giornale una notizia qualsiasi di QUINDICI ANNI FA ?????????? dove si
    offriva il POS a gratis, e poi perchè allora gratis e ora no ?
    Speculazione ?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.