Trasporti, Vertenza SITA: arriva la convocazione, giovedì 10 luglio in Regione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Pullman_SITA_scioperoSi è cercato in tutti i modi di far sentire alla Regione Campania l’urgenza di un incontro con il presidente della giunta, Stefano Caldoro, per risolvere la questione della Sita. Fino alle 13 di oggi, a Palazzo S.Lucia hanno fatto spallucce, poi è arrivata la convocazione ufficiale delle parti per giovedì 10 luglio, alle ore 19. Il governatore Caldoro e l’assessore regionale ai trasporti Vetrella incontreranno i vertici di Sita Sud nella sala giunta per discutere del nuovo contratto e del pagamento dei debiti pregressi. L’ufficialità di un incontro chiesto più volte nell’ultimo mese e mai ottenuto neanche dai sindacati è arrivata all’indomani del preavviso di licenziamento anche dei lavoratori delle imprese affidatarie dei servizi di rifornimento e lavaggio degli autobus della Sita Sud. Quegli operai si aggiungono ai 437 dipendenti per i quali Sita ha annunciato il licenziamento dal primo agosto prossimo, se la questione non si sblocca.

Le premesse non sono buone. Finora ci sono stati solo tavoli a vuoto e scambi epistolari al veleno, come quello che vi documentiamo. Si parte dalla comunicazione che l’amministratore di Sita Sud, Giuseppe Vinella, fa alla Regione Campania lo scorso 25 giugno. Vinella scrive che Sita svolge il servizio di trasporto pubblico locale in assenza di valido ed efficace titolo contrattuale, non riconoscendo la proroga degli obblighi di servizio imposti dalla Regione fino al 31 dicembre 2013. Vinella conferma di aver esercitato legittimamente il recesso e rileva che la direzione generale della mobilitò della Campania non è nelle condizioni di poter diffidare la Sita in violazione dei principi contabili e configurando un danno erariale non imputabile alla società. Risponde la Direzione regionale della mobilità che il 2 maggio, in un’altra nota, è stata proprio Sita Sud ad ammettere (implicitamente) la sussistenza della proroga degli obblighi di servizio rendendo inapplicabile il recesso, poiché non vi è un contratto ma la prosecuzione degli obblighi di servizio imposti dalla Regione. Per questo, secondo Palazzo S.Lucia la Sita non può lasciare la Campania perché prevale il diritto alla mobilità dei cittadini non potendosi individuare un sostituto entro il primo agosto. Infine, Sita viene invitata a presentare una contabilità separata che faccia emergere con chiarezza quanto le spetti sugli arretrati senza che ci sia un esborso ingiustificato di denaro pubblico da parte della Regione Campania.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. INQUINANO L’AMBIENTE E DETURPANO IL MIO PANORAMA…QUANDO PASSA UN BUS MI SI GUASTA LA SKYLINE DEI MIEI ZEBEDEI, CON GRAVI RIPERCUSSIONI PROSTATRICHE. I BUS FANNO MALE. TUTTI A PIEDI 4 PASSI FANNO BENE E SI MANTIENE…. LA LINEA!!

    COMITATO NO BUS
    -FIGLI DI QUELLI CHE ANDAVANO A PIEDI O AL MASSIMO COL CIUCO-

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.