Antonio Ilardi lascia la Vice Presidenza del Consorzio Aeroporto di Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Aeroporto_SalernoOggi ho chiesto di non essere riconfermato alla Vice-Presidenza del Consorzio Aeroporto di Salerno-Pontecagnano, in previsione e quale segno di rispetto nei confronti del Consiglio Camerale che sarà convocato per deliberare sul tema. Dopo due anni di impegno intenso e appassionato, mi auguro che tale decisione possa concorrere a richiamare l’urgenza di quest’opera così strategica per il Territorio: l’unica in grado di determinarne una stabile svolta economica. Per spiegare questo gesto nel modo più completo ed istituzionale, ho rilasciato una intervista al responsabile delle relazioni esterne della Camera di Commercio, l’Ente che mi ha indicato nel Consiglio di Amministrazione del Consorzio, affinché possa renderla disponibile a tutti gli organi di informazione”. Ing. Antonio Ilardi

Ingegnere, perché ha deciso di lasciare la Vice-Presidenza del Consorzio Aeroporto di Salerno-Pontecagnano? 

Per tutti i motivi che le esporrò nel seguito dell’intervista. Sintetizzabili, se vuole, così: per richiamare sull’infrastruttura una attenzione costruttiva delle Istituzioni, delle forze politiche e sociali, dell’opinione pubblica. E’ un momento decisivo, serve il sostegno di tutti. 

Si sente, innanzitutto, di tracciare un bilancio “di periodo” ?

Certamente. Basta citare una circostanza che dà conto e ragione al nostro impegno. Due anni fa l’Aeroporto di Salerno era a rischio cancellazione. Nessuno avrebbe scommesso un euro sulla sua presenza nel Piano Nazionale Aeroportuale, a tutto vantaggio dell’Aeroporto di Grazzanise. Oggi, grazie all’impegno di quanti ci hanno preceduto e alla tenacia di questo consiglio di amministrazione, Grazzanise è, di fatto, rinviato al futuro e non è più configurato in alternativa a Salerno. Il nostro Aeroporto, invece, è stabilmente indicato, sia dal cosiddetto Piano Passera che da quello dell’attuale Ministro Lupi, come Aeroporto di interesse nazionale. Mi pare un ottimo risultato ed uno splendido viatico per il futuro.

Di chi il merito?

Il merito va ascritto a chi ha lavorato per lo sviluppo dell’iniziativa, ed in particolare a quanti, pur facendo parte di organi importanti, si sono impegnati in maniera totalmente gratuita. Inoltre, va certamente riconosciuto il merito di tutti i soci del Consorzio che hanno fin qui sostenuto l’iniziativa. Una menzione particolare va, ovviamente, ai due enti che negli ultimi tre anni hanno assicurato la maggiore contribuzione: la Camera di Commercio e la Provincia. Senza di loro l’Aeroporto non esisterebbe nemmeno in prospettiva: sarebbe già oggi chiuso e dimenticato.

Quali difficoltà intravede oggi?

Ho assunto questo ruolo in una fase finanziaria delicatissima. All’inizio del 2012 il Consorzio vantava crediti, quasi tutti da enti pubblici, per 5 milioni di euro. Oggi, grazie all’incessante azione posta in essere dal consiglio di amministrazione, ne abbiamo recuperato circa il 50%, riuscendo così a garantire la prosecuzione dell’iniziativa. Per tutti abbiamo azionato procedure di recupero coattivo, senza fare alcuna distinzione di “colore politico” tra le amministrazioni debitrici. Ciononostante, la resistenza di taluni soci, ancor oggi morosi, sta creando enormi difficoltà nell’incasso di importi rilevanti. Basti pensare che il solo Comune di Pontecagnano deve ancora corrispondere al Consorzio circa 1.400.000,00 euro, oltre spese ed interessi. E’ davvero paradossale: il principale beneficiario dell’infrastruttura ne è anche il maggiore debitore nonché uno dei principali fattori di rallentamento ! Con queste incertezze non si può esercitare un ruolo amministrativo né è possibile programmare alcun investimento.

Come possono essere affrontate queste condizioni ?

Il Consorzio ha adottato in questi anni decisioni impopolari ma necessarie. Ha fermato la contribuzione dei voli di linea ricevendo, spesso, l’irrisione di chi non comprende la necessità di risparmiare risorse da utilizzare più utilmente per il potenziamento dell’infrastruttura. Il Consorzio ha anche continuamente sollecitato la società di gestione a ridurre i propri costi, riuscendo ad ottenere risultati solo parziali ma determinanti, senza i quali oggi non vi sarebbe alcuna prospettiva. La fase di spending review intrapresa con la nomina dell’amministratore unico della società di gestione va proseguita senza mediazioni ed intoppi. I costi vanno ridotti, tutti e subito. L’alternativa non esiste. Anche il personale deve comprendere che il sacrificio di oggi vale l’esistenza del proprio posto di lavoro. Ci vuole chiarezza e rispetto reciproco.

Perché nessun privato si fa avanti?

Abbiamo non solo ideato ma anche dato concreta attuazione ad una procedura di privatizzazione precedentemente solo annunciata ma mai effettivamente praticata. Nonostante i proclami, era, infatti, in realtà molto diffusa la tentazione di improvvisarsi gestori aeroportuali rischiando soldi pubblici. Tuttavia, sebbene sia stata ricevuta un’offerta da un gruppo imprenditoriale estero molto importante, abbiamo dovuto constatarne l’inammissibilità in quanto condizionata dall’enorme diffidenza degli investitori nei confronti dell’Italia e delle sue regole ormai anacronistiche. Tutti i dati, del resto, attestano che tale fenomeno non accenna ad invertirsi.

Solo questo?

No. Nel caso specifico c’è anche di più. Il diluvio di ricorsi intentati dalla Gesac nel corso degli ultimi dieci anni, ben 19, per citare solo i contenziosi amministrativi, rende diffidenti gli investitori o ne scoraggia addirittura l’arrivo. D’altro canto, chiunque abbia letto gli atti ben comprende l’assoluta artificiosità delle argomentazioni addotte. Credo sarebbe, quindi, necessario che le autorità aeronautiche verifichino i reali motivi di tale atteggiamento. E credo che uno Stato serio avrebbe il dovere di verificare se sia possibile che un suo concessionario, quale è Gesac, convenga in giudizio lo stesso Stato che intende realizzare una infrastruttura “concorrente”. Tra l’altro mi giunge notizia dell’esistenza di relazioni tecniche sulla situazione dell’Aeroporto di Capodichino non particolarmente rassicuranti. Di fronte a questi fatti o i soci del Consorzio, il Consorzio e la Società di Gestione agiscono con fermezza o verranno fagocitati dalle circostanze. Io sono per un approccio energico e combattivo. Senza questo non sarò della partita.

Dunque lei è contro la Gesac?

Assolutamente no. Io sono contro chiunque tenti di impedire che entri in funzione l’Aeroporto di Salerno. Sono, viceversa, “a favore” di chiunque partecipi al Bando in corso, Gesac inclusa, assumendo l’obbligo di dare attuazione al piano degli investimenti. La selezione, ove dovesse esserci, sarà poi compito di una commissione tecnica di assoluta garanzia. La verità è che dopo la promulgazione del Bando, non ci sono più alibi. Chi vuole sviluppare l’Aeroporto di Salerno può farlo liberamente candidandosi alla procedura di evidenza pubblica. Al contrario, non partecipando, si avvalora la tesi che qualcuno voglia oggi sfuggire dall’obbligo di realizzare l’Aeroporto, acquisendolo, eventualmente un domani, senza alcun impegno e trasformandolo in una sorta di “parcheggio”.

Sono realistiche le prospettive di ampliamento della compagine consortile?

La prospettiva dell’ingresso nella compagine consortile della Regione Campania e della Regione Basilicata è stata costruita in questi mesi con grande dedizione e serietà. Oggi, è percepibile una volontà reale sia da parte del Presidente Caldoro che da parte del Presidente Pittella. Del resto, per entrambe le Regioni la prospettiva dell’Aeroporto di Salerno è assolutamente strategica: per la Basilicata significa sottrarsi ad una condizione di oggettiva perifericità geografica, per la Campania significa costruire un sistema che consenta di potenziare enormemente lo sviluppo turistico. La decisione deve, però, essere rapidissima. Entro fine Luglio. Solo in questo modo una compagine istituzionalmente più forte potrà far valere le ragioni della coesistenza dei due aeroporti campani a servizio della Campania e della Basilicata. E solo in questo modo i potenziali investitori potranno avere chiaro che esiste un accompagnamento istituzionale più alto ed autorevole. Altre vie non esistono.

E l’attuale ruolo della Camera di Commercio?

La Camera di Commercio investe, e non da oggi, risorse importanti su questa iniziativa nella quale anche la dirigenza e il personale sono coinvolti in maniera generosa ed attiva. Con la Presidenza Arzano il ruolo propulsore è proseguito in maniera ancor più intensa e, contestualmente, con significativi risparmi su tutte le voci di costo. Vorrei ricordare a me stesso che nell’ultimo anno della precedente consiliatura camerale fu definito per l’Aeroporto un impegno della Camera di Commercio pari a 3 milioni di euro. Nel 2014 ne utilizzeremo esattamente la metà ! Ciononostante, sono costretto a notare che qualcuno, certamente una minoranza, sta utilizzando l’Aeroporto più in chiave politica interna che per raggiungere effettivamente un risultato strategico per il Territorio. Io auspico che la Camera di Commercio continui a sostenere concretamente l’infrastruttura finché avrà le risorse necessarie. Allo stesso tempo, credo che l’Ente abbia tutto il diritto di porre delle condizioni.

Quali?

Innanzitutto ha il diritto di pretendere che l’impegno del Governo nazionale sull’Aeroporto di Salerno sia chiaro ed inequivocabile. Rivolgo per questo un appello al Ministro Lupi affinché determini le condizioni per la firma del Protocollo di Intesa con Regione Campania e Consorzio, necessario per sbloccare i 49 milioni di euro da destinare al potenziamento dell’infrastruttura. Inoltre, ritengo che la Camera di Commercio abbia anche il diritto di richiedere a chi si candida a diventare socio di porre in essere gli atti finanziari conseguenti. Naturalmente, desidero sottolinearlo, le mie sono opinioni personali. Il Consiglio Camerale è l’organo competente a decidere e deve farlo con chiarezza e con rapidità. Chi vuole proseguire lo dica, specificando eventualmente tempi e condizioni programmatiche. Chi vuole fermarsi, per motivi più o meno nobili, lo attesti senza infingimenti.

Il suo immediato futuro nell’iniziativa?

Nell’immediato futuro non farò mancare al Presidente Arzano e al Presidente Fasolino la mia completa e totale collaborazione quale componente del consiglio di amministrazione. Se si tratterà di andare in battaglia per difendere gli interessi di Salerno io ci sarò sempre e con ancora maggiore vigore. 

Ci lascia un auspicio per l’Aeroporto?

Che si determini una grande coesione territoriale a sostegno dell’iniziativa aeroportuale: l’unica – lo ripeterò fino alla noia – in grado di determinare una stabile svolta economica della nostra provincia. Ambirei che tutte le Istituzioni locali, in primo luogo il Sindaco di Salerno, insieme al Presidente della Provincia, sottoscrivessero, unitamente alla deputazione nazionale e regionale salernitana, un invito forte e chiaro al Governo affinché a sblocchi i fondi e il decreto di concessione definitiva. Non so se resterà un sogno di mezza estate. Ma sarebbe un bel sogno!

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.