Mare: esperto, arrivano reti anti-medusa negli stabilimenti. Nell’Adriatico riapparsa maxi-medusa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
spiaggia_mareL’estate 2014 si apre con ”una grande proliferazione della medusa Pelagia nel Mediterraneo occidentale, mentre in Alto Adriatico è tornata dopo quasi un secolo la Drymonema dalmatinum, la specie più grande del Mediterraneo con un cappello di circa 80 cm. L’altra novità arriva dall’uomo: dall’Elba alla Puglia gli stabilimenti si stanno attrezzando con reti anti-medusa”. Ad annunciarlo è Ferdinando Boero, biologo marino dell’Università del Salento e Cnr-Ismar, nonché coordinatore del progetto Ue Coconet. Dal monitoraggio fatto anche attraverso le segnalazioni dei cittadini e pescatori, precisa lo zoologo, emerge che ”la Pelagia quest’anno si è riprodotta tantissimo e le correnti possono spingere queste specie marine urticanti – tipiche del Mediterraneo e dal caratteristico bordo violaceo – sul mar Ligure, il Tirreno e lo Ionio. In Adriatico non ci sono, ma lì è tornata una specie rarissima: la Drynomena Dalmatinum. Di questo maxi animale marino sono tre gli avvistamenti nell’ultima settimana (al largo di Lignano, poi a Pirano e un altro, di 80 cm di diametro, spiaggiato a Muggia).
Nel golfo di Venezia c’è stata poi da novembre a marzo una specie aliena, la Benovici, molto probabilmente portata dall’acqua di zavorra delle navi ma ora è sparita; forse non è riuscita ad acclimatarsi. A fior d’acqua invece, sul Mar Ligure, Toscana, Sardegna, Lazio e Campania, le colonie di Velella Velella, polpi galleggianti che quando spiaggiano rendono la riva blu. Ce ne sono a miliardi, non sono meduse e l’unico rischio per queste che vengono chiamate ‘le barchette di San Pietro’ è per la pesca perché mangiano le uova galleggianti dei pesci”. L’esperto studioso di meduse guarda con favore la risposta pratica attuata dagli imprenditori del turismo balneare, da Castellaneta Marina nel tarantino alle Eolie, e auspica sia ”l’installazione di reti anti-medusa nelle spiagge libere sia misure di sostegno, come avviene per le calamità naturali, a quegli esercenti degli stabilimenti che devono fare un investimento non irrilevante” per spegnere l’allarme dei bagnanti rispetto a queste specie marine urticanti.(ANSA).
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.