Salerno: lezione dello stage “Le Troiane” con Antonello De Rosa, aspiranti e professionisti alle prese con il teatro

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

Antonello_De_RosaIl Complesso Monumentale di Santa Sofia, in occasione del V atto de “Il Gioco Serio del Teatro” ha ospitato la lezione introduttiva dello stage/spettacolo “Le Troiane” diretto da Antonello De Rosa. Le iscrizioni partite due mesi fa hanno attirato l’attenzione degli amanti del teatro, giovani e non, amatoriali e professionisti, con l’intenzione di mettersi in gioco e vivere di teatro in questo periodo estivo. Come già una grande famiglia, il direttore artistico salernitano, felicissimo del primo risultato raggiunto, durante le prime ore di prove di ieri sera, è stato circondato da 24 stagisti assetati di conoscenza teatrale. “Chi fa teatro deve lasciare dei segni – afferma De Rosa – Quando uscite da quella porta non potete non avere qualcosa di diverso. Qui siamo in tanti, tra veterani e nuove leve, ma tutti partiremo da zero”.

Lo stage parte dall’indagine sulla natura umana dei singoli partecipanti, attraverso il recupero della memoria fisica. Confluisce nel lavoro sul coro, contenitore di tutte le dinamiche di relazione in scena. Al movimento si intreccia il canto, elemento naturale e primordiale di comunicazione e la parola scardinata, scomposta, cantata, “ri-suonata”. Questi elementi si traducono in strumenti necessari al lavoro dell’attore-autore e definiscono la poetica nello sguardo dello spettatore. Il risultato è la formazione di un attore delle proprie scene, di un gruppo responsabile della creazione collettiva. Se l’anno scorso i partecipanti allo stage hanno incontrato Medea nelle scritture di Euripide, quest’anno la scena vedrà la storia di Troia, ormai decaduta e resa completamente al suolo. Gli uomini troiani morti a causa della cruenta carneficina e le loro donne, folli di dolore, attendono prigioniere di conoscere il proprio destino. Ne “Le Troiane” di Antonello De Rosa risulterà evidente la centralità del punto di vista dei vinti e non dei vincitori: una prospettiva che evidenzia non tanto l’eroismo di chi vince, quanto la disperazione dei vinti, con lo scopo di gettare luce sulle sofferenze portate dalla guerra.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.