Forestali, Tavella: “Poteri sostitutivi per enti inadempienti”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
operai_forestali”Poteri sostitutivi per egli enti che non presentino la documentazione necessaria per attingere ai fondi e pagare gli operai idraulico forestali”. A sollecitarli è il segretario generale della Cgil Campania, Franco Tavella, secondo il quale ”occorre però uscire da un meccanismo farraginoso fatto di progetti e di incertezze e garantire alla Campania una reale difesa del suolo e della montagna”.

”Non è più tollerabile – aggiunge Tavella – lasciare per oltre un anno i lavoratori senza stipendio e nell’assoluta incertezza”.

”I fondi stanziati dalla Regione, frutto anche delle azioni di lotta dei lavoratori – conclude Tavella – devono tradursi da subito in stipendi per gli operai, altrimenti la decisione della giunta rischia di trasformarsi in beffa. Ove, in tempi brevi, ciò non avvenisse promuoveremo ancora una volta la più ampia mobilitazione dei lavoratori”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Leggo che entrate come Cgil nel Pd,bene avete tolto il sottile velo che cercava di nascondere la vostra vera essenza.Allora invece di sputare sentenze e giudizi su chi non è politicamente dalla vostra parte, candidatevi fatevi eleggere e decidete le leggi e la loro attuazione.Finanche Renzi si è accorto che i sindacalisti hanno una infinita di privilegi che secondo voi servono per servire i lavoratori e non a voi per non fare una mazza.Avete perso il treno della storia, ancora una volta non vi accorgete o fate finta di nulla,i tempi sono cambiati.Parlate di montagne da proteggere (molto spesso ci vorrebbe la polizia) quando vi sono persone che appiccano il fuoco poi corrono a indossare l’elmetto (non dei vigili del fuoco) per spegnere.La regione di Bassolino creo’ un corpo di idraulici che devono lavorare l’intero anno (é necessario?) e percepire uno stipendio anche se non vi è la necessita lavorativa.Egregio Tavella ci dica chi paga anche per il lavoro che non si fa.La regione non è un Bancomat ne l’Inps.Sarebbe piu’ giusto per gli operai e per la comunita’ che l’impegno lavorativo fosse utilizzato per altre attivita’ lavorative nei momenti di fermo biologico della montagna.Ricordo da studente che ad ogni azione deve corrispondere una uguale e contraria.Per favore non mi dica che i forestali lavorano tutto l’anno,questo è il vero problema.

  2. Voglio esprimere anche io un sentimento comune a moltissimi italiani…..questi sindacalisti dal bla bla bla facile hanno fatto ormai il loro tempo e lo hanno utilizzato benissimo per i cazzi loro…..questa infinita’ di segretari comunali provinciali regionali nazionali,direttivi vari e chi piu’ ne ha piu’ ne metta,mantenuti dalla rapina effettuata sulla busta paga dei lavoratori iscritti non a una sola sigla di associazione a delinquere ma ben tre,possono tranquillamente andare a zappare gratis,visto la loro ormai conclamata inutilita’ alla causa…..riempiono i media con le stesse dichiarazioni ogni volta fumose e di stampo sindacalese,arrogandosi meriti che non hanno quando qualche situazione di disperazione e paura di perdere il posto di lavoro viene parzialmente sblloccata…..questo esercito di parassiti,che non ha la minima idea di cosa significhi sacrificio e lavoro duro,dicevo la gran parte di esso si sta saldando ed allineando con chi sta’ continuando ad affossare gli italiani,la maggior parte di questi,quasi ignari che ci si avvia a velocita’ costante verso il baratro e l’oblio…..una rivoluzione di orgoglio e di fierezza nazionale,una rivoluzione proletaria e di “ventennale” memoria,unica strada da percorrere e praticare,in un sussulto di dignita’,amor di Patria e rivalutazione della razza Italiana.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.