Semplificazione, De Luca: “Risolvere nodo Soprintendenze e ricorsi amministrativi”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
anci_comuni_sindaci_proteste“Il Governo sta facendo uno sforzo straordinario per dare una spallata ad un paese che viene da decenni di mummificazione. Si fa fatica a portare a compimento le riforme istituzionali e della PA. Alcune di queste proposte necessitano di modifiche, perché non tutto è ragionevole. Il problema è che, se non si dà subito questa spallata, si rischia di non fare alcun passo in avanti. Dunque diamo questa spallata, a condizione che, nel corso della definizione dei provvedimenti, si faccia un’operazione di concretezza rispetto ai territori e si faccia attenzione all’equilibrio generale dei poteri”.

Lo ha detto il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca a LIRATV. “Un caso emblematico della questione riguardante i territori – – prosegue il Sindaco –   è quello delle sezioni distaccate dei Tar, nel quale si rischia di arrivare ad un risultato opposto rispetto a quello che si vuole raggiungere, ovvero la razionalizzazione della spesa. Mi auguro che, per quanto riguarda il caso di Salerno, così come per Catania e Lecce, ci sia una modifica nel corso della discussione parlamentare.

In quest’ottica di semplificazione bisogna, poi, incidere su alcuni nodi che non sono stati ancora toccati. Penso, in particolare, alle Soprintendenze: se non tocchiamo questo nodo, così come quello dei continui ricorsi amministrativi, l’Italia è un paese morto. Ci sono realtà sottoposte a vincolo assoluto, e su questo non c’è da discutere perché tutti abbiamo interesse a tutelare l’ambiente. Quando, però, si parla di aree urbane, la Soprintendenza non può avere lo stesso tipo di responsabilità che ha, ad esempio, per la Costiera Amalfitana.

Bisognerà rimuovere le tante resistenze all’azione di rinnovamento del Governo. Io credo che, se i provvedimenti vengono pensati con più attenzione, questo rinnovamento avviene prima e non dopo. Alcuni punti che riguardano la riforma della PA non mi convincono, in particolare quella che riguarda i segretari generali e i dirigenti. La possibilità di licenziare i dirigenti è un’idea che demagogicamente può anche andare bene, ma questo significa eliminare un elemento caratteristico della PA europea, ovvero l’autonomia dei funzionari e dei dirigenti pubblici. Dunque un conto è togliere di mezzo i dirigenti che non fanno niente e non producono risultati, altro è dare la possibilità alla parte politica di licenziarli: questo significa renderli ricattabili, il che produce un danno alla cittadinanza”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. finalmente qualcuno che dice qualcosa a proposito della mummificazione del territorio e dell’immobilismo delle soprintendenze.

  2. Ora, ovviamente, anche le Sopraintendenze, nemiche di Salerno.
    …e chissà perché?!?
    Meno male che ci sono le leggi e la Magiatratura che fermeranno questo esaltato ed arrogante despota.

  3. Beh,le leggi mica le fa la Soprintentenza,forse negli anni passati Politici accorti,si sono preoccupati di non dare tanto mano libera ad amministratori e cittadini spregiudicati, pensando al danno che avrebbero potuto fare,da questo leggi intelligenti.Vogliamo cambiare le regole,siamo in accordo,ma ciò avvenga a favore di tutti i cittadini.Ad esempio ho un piccolo giardino,ci vorrei costruire un deposito,ma guarda un po,il mio confinante ha una finestra che affaccia sul mio giardino e mi impedisce di costruire,si lamenta che potrei togliergli veduta ed aria,che pretese…..Cambiamole presto queste regole,faremo tutti ciò che vogliamo facilmente……Tutti però.

  4. hanno memoria a corrente alternata …. come i pisellini del presepe!! Si scagliano contrro il Crescent per colpire il Sindaco, ma nulla dicono sullo scempio dei palazzacci INAIL …. nulla dicono sulle valanghe di metri cubi di cemento che hanno saccheggiato Salerno…Mercatello, Mariconda, Pastena, Torrione, Torrione Alto, Sala Abbagnano, Via Guercio, Via Bottiglieri….migliaia di miliardi andati nelle tasche dei soliti noti anni 60-70-80…miliardi di metri cubi senza criterio, senza servizi, senza sotto servizi (!) …. ma qui la memoria si spegne! il pisellino del presepe che spesso è parte in causa con i maestri di cucchiara che lo hanno allevato e gli hanno lasciato soldi e soldi e soldi…e case e case e case…ecco, il pisellino si fulmina, e diventa ambientalista!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.