Rifiuti: Procuratore Roberti, “Traffico illegale è delitto d’impresa”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Franco_Roberti“Il traffico illegale di rifiuti non è un delitto mafioso, è un delitto di impresa. Cioè nasce da una domanda di servizi illeciti che gli imprenditori rivolgono alle organizzazioni mafiose”. Lo dice il procuratore nazionale Antimafia Franco Roberti, in un’intervista pubblicata sul mensile Poliziamoderna. “L’imprenditore – spiega Roberti – può cercare di smaltire i rifiuti della sua produzione aziendale in maniera illegale per risparmiare, soprattutto quando si tratta di rifiuti tossici o pericolosi, ma è stimato che tantissimi sono costretti a smaltire ‘al nero’ i rifiuti derivanti da un buon 47% di produzione ‘al nero’ lavorata da personale tra l’altro anch’esso non regolarizzato. Quindi si parte da un’esigenza delle imprese che si rivolgono per l’esecuzione di questo procedimento sporco a coloro che controllano il territorio, solitamente i mafiosi, ma non necessariamente. Spesso sono organizzazioni di malaffare che si comportano però in maniera similare”.

Contro questo fenomeno, secondo il procuratore, “Confindustria può fare moltissimo. Intanto cercando di sensibilizzare i propri iscritti ad accettare di buon grado i controlli riguardo al rispetto delle norme ambientali, che seppur rallentano il ritmo produttivo sono una garanzia di legalità”. Roberti evidenzia poi che “la maggior parte delle materie prime usate nelle fabbriche a ciclo continuo in Africa e Asia si basano sui nostri scarti, scorie di alluminio dei veicoli, tessili, copertoni, plastiche, come ha dichiarato l’ufficio centrale intelligence delle Dogane. Così i rifiuti tossici che i clan mafiosi mandano laggiù ci ritornano indietro sotto forma di giocattoli, utensili, vestiti”.

Fonte ANSA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.