Campania: Carfagna, da Forza Italia misure antidiscriminazione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
carfagna_salerno_convegno_donne_1“Il pacchetto presentato oggi è un pacchetto di misure antidiscriminazione a favore dei cittadini campani. Non per riconoscere alla popolazione della Campania privilegi o benefici particolari, ma per far sì che anche essi possano godere della stessa dignità e degli stessi diritti di cui godono i cittadini italiani”. E’ quanto dichiara la Portavoce di Forza Italia, Mara Carfagna, a seguito della conferenza stampa di presentazione dei 3 provvedimenti antidiscriminatori a cui hanno partecipato il Capogruppo di Forza Italia alla Camera, Renato Brunetta, il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, e i deputati campani Paolo Russo e Carlo Sarro. “Per quanto riguarda gli abbattimenti – ha chiarito poi Carfagna – le proposte presentate oggi servono a sanare le decisioni della Giunta Bassolino dichiarate poi incostituzionali dalla Suprema Corte.

Per la Terra dei Fuochi l’impiego dell’esercito è indispensabile per far fronte agli abominevoli comportamenti della criminalità organizzata che ha sversato rifiuti martoriando la terra campana e danneggiando fortemente parte del settore agro-alimentare. Per quanto riguarda le tariffe Rc Auto proponiamo una tariffa unica per contrastare l’ingiustizia che vede i cittadini campani, a parità di classe di merito, pagare più del doppio rispetto a quanto pagano gli altri cittadini italiani”. “Tutto ciò – conclude Carfagna – è più che mai necessario per ripristinare le condizioni di uguaglianza e per fare in modo che anche per i campani possa valere l’articolo 3 della Costituzione”.

Fonte Ansa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. L’ipocrisia regna sovrana in Italia! La politica gioca con la vita, la casa ed il portafoglio (quando c’è) dei malcapitati cittadini e si interessa di certi temi solo a scadenze preordinate, in funzione di convenienze elettorali.

    Assicurazioni RCA: vi è una legge nazionale di obbligatorietà per la copertura della responsabilità civile auto e si lasciano le compagnie di assicurazione libere di fare il loro comodo nelle diverse regioni italiane con costi di assicurazione che sbalzano fino al 500% da una zona all’altra del Paese. Il Sud, la Campania e Napoli in particolare sono le zone più martoriate!
    La legge è unica con valenza nazionale, il costo dell’assicurazione RCA obbligatoria dovrebbe necessariamente essere costante nelle diverse zone del Paese a fronte del medesimo servizio, in particolare per quegli automobilisti prudenti e responsabili che non registrano incidenti e comportano guadagni netti per le compagnie di assicurazione e per lo Stato percettore delle imposte gravanti sul settore.

    Che significa, poi “regolamento per le demolizioni di abitazioni”? Una autentica farsa ed un obbrobrio legale, giudiziario e sociale, visto che in Campania, a differenza di tutte le altre regioni d’Italia, non è stata mai applicata la legge di condono edilizio n. 326 del 2003.
    Ebbene, ad intervalli regolari di tempo e magari nell’imminenza di scadenze elettorali, si riparla delle decine di migliaia di costruzioni edilizie realizzate in Campania senza le ordinarie autorizzazioni. Tutto questo in numerosi Comuni con assetti urbanistici, piani regolatori ed apparati burocratici semplicemente da terzo mondo, con tutto il rispetto per le zone del mondo sottosviluppate ed incolpevoli.
    I politici, come al solito, aggirano in maniera scaltra ed opportunistica il problema senza affrontare la questione di fondo e cioè la riapertura (in questo caso l’apertura originaria mai consentita) dei termini di applicazione della legge nazionale di condono edilizio del 2003 che agli abitanti della Campania – e solo ad essi – è stata brutalmente ed illegittimamente negata.
    Parlare poi di demolizioni di abitazioni in una fase storica di crisi economica paurosa che brucia posti di lavoro, azzera redditi e sfascia famiglie è semplicemente una barbarie che richiama alla mente le distruzioni di edifici in Siria, in Ucraina ed in Palestina.
    In quei casi la guerra civile fa da sfondo e da amara giustificazione all’abbattimento di case abitate ed al successivo esodo dei “fortunati superstiti” in territori lontani. In Italia, o meglio in Campania, si pensa di abbattere le case e di buttare sulla strada migliaia di cittadini inermi, giocando beffardamente, con supporto pseudo-legale e parlamentare, sulla tempistica e sulle priorità degli abbattimenti di costruzioni che, al di la dei casi di grande speculazione, sono il risultato di una vita di sacrifici e di privazioni in nome del bene primario: un tetto ed una casa da abitare.
    Occorre bloccare immediatamente in Campania tutte le procedure di demolizione di abitazioni. Alle persone che, impegnando risparmi propri, hanno realizzato negli anni scorsi una abitazione, hanno ampliato e migliorato una costruzione già esistente, hanno reso vivibile e praticabile un fondo agricolo, vanno assegnati riconoscimenti ed agevolazioni fiscali, altro che persecuzioni amministrative ed odiosi, antieconomici abbattimenti!

    Terra dei fuochi (e dei grandi affari): come si fa a risolvere il problema se – a quanto si deduce dalle notizie di stampa e di letteratura – alcuni dei soggetti che hanno “propiziato ed accompagnato” gli affari legati a questa sfortunata zona del Paese sono ancora al loro posto ed occupano posizioni di rilievo nazionale? Come cittadino fiducioso nelle istituzioni mi limito a dire ed a sperare: la magistratura faccia o meglio continui il suo tortuoso corso!

    Sàntolo Cannavale

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.