Rifiuti, il pentito Vassallo: “Ecco come per 20 anni abbiamo avvelenato la Campania”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
terra_fuochi“So quello che abbiamo scaricato e dove lo abbiamo portato. Ci sono i fanghi dell’Acna di Cengio, ci sono le ceneri dell’Ilva e la calce spenta dell’Enel, ma non ci sono rifiuti radioattivi”. Così il pentito Gaetano Vassallo, in una lunga intervista al Mattino dal carcere dove è rinchiuso, spiega come ha avvelenato la Campania con i rifiuti e accusa: “vent’anni senza controlli”.

“Solo adesso sto rendendomi conto fino in fondo del disastro che abbiamo combinato”. Racconta di aver iniziato ad occuparsi di rifiuti nel 1980 spiega come, con l’emergenza dei rifiuti in Toscana nell’88-89 arrivarono i primi rifiuti da fuori regione: “i Comuni toscani si affidarono a trasportatori che avevano bisogno di buche e noi gliele offrimmo”. I proprietari dei terreni? “Sapevano che nei loro campi buttavamo rifiuti”. “Abbiamo smaltito gli acidi della Meri Bulloni di Castellammare”, “poi c’era la Ciba”.

“Dai Pellini ad Acerra i fanghi sono stati diluiti nell’acqua e sparsi nei campi con gli irrigatori automatici”. Le società che si rivolgevano ai clan, “se avessero smaltito legalmente avrebbero speso quattro io cinque volte in più”.

E spiega come, con l’emergenza monnezza, “per noi le cose sono andate meglio”. Racconta di aver sistemato nei consorzi “tutti i miei parenti”. “Come ex dipendenti del consorzio” “tutti i miei familiari hanno ricevuto il sussidio di disoccupazione”. E torna sui rapporti con la P2: “Cerci era amico di Gelli”. “Attraverso la massoneria garantiva anche sul versante politico con Perrone Capano, che avrebbe dovuto dare le autorizzazioni”. Infine spiega quando ha deciso di collaborare con la giustizia: nel 2008 “ho saputo” che Setola “voleva uccidermi”. “A farmi decidere è stato mio figlio”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Lì Italianostra non si ceca ?
    Per forza, l’argomento è troppo rischioso per gli pseudoambientalisti nostrani.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.