‘Ndrangheta: arrestato a Sala Consilina il boss Palamara, è tra 100 latitanti più pericolosi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
arresto-mobile-polizia-SalernoÈ finita la latitanza del boss Bruno Palamara, 51 anni, presunto capobastone dell’omonima cosca reggina. Palamara, alla macchia da due anni, è stato arrestato all’altezza di Sala Consilina (SA) lungo sulla A3 dalla Squadra mobile di Reggio Calabria e dagli uomini dello Servizio centrale operativo della polizia di Stato.

Il presunto boss della ‘ndrangheta era ricercato per traffico internazionale di droga, secondo gli inquirenti della Dda operava tra Belgio, Olanda e Germania.

Il clan Palamara per gli investigatori è coinvolto in un vasto traffico internazionale di droga che parte da Africo, Bianco e Brancaleone, nel reggino, e rifornisce il mercato e le piazze di spaccio delle città del nord Europa.

L’uomo è stato arrestato dalla Polizia Stradale mentre percorreva la A3, all’altezza di Sala Consilina, dopo una segnalazione degli investigatori della Squadra Mobile di Reggio Calabria e del Servizio Centrale operativo della Polizia, da tempo sulle sue tracce.

Il boss era inserito nella lista dei 100 latitanti più pericolosi e i magistrati di Reggio Calabria e Roma lo considerano un esponente di spicco della ‘ndrangheta con il suo traffico di stupefacenti in tutta Europa.

Secondo le indagini della Sco l’uomo trafficava stupefacenti tra Belgio, Olanda e Germania, curando le rotte del Nord Europa del traffico internazionale di stupefacenti.

Dai primi mesi del 2014 ad oggi questo di Palamara è il terzo boss, appartenente alla ‘ndrangheta, arrestato dalla Polizia di Stato dopo il 43enne Nicola Pignatelli, bloccato a Santo Domingo lo scorso 28 aprile e anch’esso inserito nella lista dei 100 latitanti più pericolosi dal ministero dell’Interno, ed elemento di vertice del clan Mazzaferro, di Gioiosa Ionica e l’arresto di Pasquale Bifulco, 41 anni, arrestato in Perù lo scorso mese di giugno. Quest’ultimo non è inserito nella lista ma è comunque un elemento di spicco della cosca Ietto-Cua, di Careri, in provincia di Reggio Calabria.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.