Ravello, Ingenito (Assoturismo): Governo e Regioni condividano piano per rilancio turismo al Sud

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Ravello_Panorama-e1345993756759“Il Ministro Franceschini non si limiti a mere esortazioni, snocciolando dati che dimostrano  solo limiti rispetto alle  azioni messe in campo sinora ma determini reale inversione di tendenza sulle competenze tra  Governo e le Regioni in materia di turismo, infrastrutture, promozione e fondi e condivida  un piano serio e concreto  con noi operatori  per il rilancio turistico e culturale del Mezzogiorno – è quanto dichiara il consigliere nazionale Assoturismo e presidente Aigo Confesercenti Agostino Ingenito- in merito alle dichiarazioni rilasciate dal Ministro a Ravello. “Non basta domandarsi come mai  l’85% dei turisti stranieri si ferma a Roma e solo il 15%  arriva al Sud.Probabilmente il Ministro quando è arrivato a Ravello aveva l’auto con i vetri oscurati se solo non si è reso conto cosa significhi attraversare il Valico di Chiunzi  o l’antico tracciato della Costiera Amalfitana, privi di manutenzione ordinaria, senza tener conto che mentre la sua auto attraversava il territorio campano, gran parte del tracciato ferroviario della Napoli Pompei Salerno è vergognosamente sospeso o sgangherato come nel caso della Circumvesuviana  e il traffico veicolare è nel caos  in Penisola Sorrentina a circa due giorni dall’apertura di una galleria di appena 7 km costata 74 milioni di euro e decenni di lavori  senza dimenticare cosa significhi in questi giorni attraversare l’A3 Salerno Reggio Calabria che malgrado i tanti cantieri non riesce ancora a garantire percorsi stradali europei”.   Complicato raggiungere in treno le altre regioni del Mezzogiorno che non godono di alta velocità come pure difficile favorire sbarchi in porti e flussi negli aeroporti del Sud a parte quello di Napoli Capodichino. Assoturismo Confesercenti nazionale in audizione in Parlamento e allo stesso Ministro ha portato dati chiari sulla situazione del turismo in Italia,rivelando le difficoltà delle imprese a mantenersi a galla per la difficile congiuntura economica, un fisco pressante rispetto alla stagionalità delle attività e le imposizioni europee sempre più complicate. “Non  basta trovare accordi trasversali in Parlamento per portare a casa un decreto che non garantisce sviluppo ma solo risposte minime rispetto a quanto si potrebbe fare.

“Il Ministro non può dire che serve unificare tutele e valorizzazione e poi consente ai  sovrintendenti di togliere tavolini in piazze e siti turistici, riducendo al lastrico migliaia di imprese, come non può chiedere agli imprenditori immobiliari turistici di avere coraggio, investendo risorse  per il turismo minore e la sostenibilità e l’adeguamento funzionale delle strutture se non consente di garantire risorse  e incentivi sulla promozione con azioni governative vigorose contro strapotere ota internazionali e  promettere sgravi fiscali che se potranno eventualmente essere utilizzati  lo saranno fra due anni e solo per certi limiti. Serve un piano deciso per il turismo del Sud – commenta Ingenito- Chiediamo che dopo il commissariamento dell’Enit, un ente pachidermico che costa milioni di euro e i vari accorpamenti , si faccia chiarezza sulle competenze sul turismo tra Stato e Regioni  con o senza  la modifica del titolo V, e si colgono le opportunità dei nuovi piani di riparto dei fondi europei 2020 per condividere assi comuni e progetti di ampio respiro. “Auspico che proprio da Ravello possa partire un confronto autentico, abbiamo enormi potenzialità che potrebbe favorire il nostro Mezzogiorno come piattaforma concreta e sicura nel bacino del Mediterraneo ma si deve andare oltre, garantendo reali occasioni di rilancio e governando processi di sviluppo che non piovono dall’alto ma che si avviano solo con politiche coraggiose e che non siano di mero spot per un delega che oggi è una virgola anche nel dicastero”. 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.