11.000 Ex LSU ancora senza certezze. Il piano “Scuole belle” garantisce solo interessi delle aziende appaltatrici

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
scuola_studentiIl Governo ha lanciato il piano “Scuole belle” per i piccoli interventi di manutenzione, decoro e ripristino funzionale. Ad essere interessati dovrebbero essere 7.801 plessi scolastici nel 2014. Soprattutto, il piano dovrebbe rivolgersi a 11.000 ex LSU addetti alle pulizie. Si tratta di lavoratori che superano, per la maggior parte, i 50 anni di età, costretti a doversi “riqualificare” da «pulitori» ad «abbellitori» grazie a corsi di formazione lampo. Ma tutto questo non serve a garantire il lavoro; tra cassa in deroga e ferie forzate non esiste alcuna certezza per il futuro. Ad oggi risulta che i contratti per l’avvio del piano “Scuole belle” siano stati firmati in pochissimi istituti d’Italia, che le attività effettivamente avviate siano limitatissime e che i lavoratori siano ancora per strada dal momento che le ditte appaltatrici si sottraggono agli impegni presi. In Campania, in modo particolare, la situazione è aggravata dai numerosi accorpamenti dei plessi scolastici che comportano un’ulteriore riduzione del personale.

Quel che è peggio è che i soldi non mancano; stando alle dichiarazioni del Governo 150 milioni di euro finanzieranno il piano nel 2014, in attesa che altri 300 milioni vengano sbloccati per il 2015. Dunque, gli accordi firmati precipitosamente lo scorso 28 marzo dai sindacati concertativi, dalle imprese e dal Governo hanno portato a quel che USB temeva:  difendere e rafforzare il sistema degli appalti – molto più costosi rispetto alla internalizzazione del servizio con assunzione diretta dei lavoratori – e approntare una grande operazione di immagine intorno al mondo della scuola. Dell’effettiva stabilizzazione dei lavoratori nemmeno l’ombra. Rosa Sabato, del coordinamento regionale USB, ha dichiarato che l’Unione Sindacale di Base si batterà per avere scuole pulite e decorose nel rispetto della legalità e del diritto al lavoro. L’USB continuerà, inoltre, la battaglia per una internalizzazione dei servizi perché non si lucri più sul reddito dei lavoratori.

USB

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.