Rifiuti: Ispra, cresce ancora differenziata. Campania tra migliori a sud

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Stefano_Caldoro_europeeCresce ancora nel 2013 la raccolta differenziata dei rifuti in Italia raggiungendo il 42,3% della produzione nazionale, oltre 2 punti in piu’ rispetto al 2012 (40%). Da rilevare il netto miglioramento del dato in Campania, seconda migliore regione del sud, dove si e’ arrivati a differenziare quasi la meta’ dei rifuti prodotti (44%), peggio solo della Sardegna, al primo posto con il 51%. Lo rileva l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) che ha presentato oggi a Roma il Rapporto rifiuti urbani 2013. E’ sempre il nord, con 54,4%, la macroarea italiana che registra il tasso piu’ alto di differenziazione, segue il Centro al 36,3% e dal Sud al 28,9%.

A livello regionale, Veneto e Trentino Alto Adige si attestano entrambe a una percentuale del 64,6%. Prossima al 60% e’ la raccolta del Friuli Venezia Giulia (59,1%) e superiore al 55% quella delle Marche (55,5%); tra il 50% e il 55% si collocano invece Piemonte (54,6%), Lombardia (53,3%), Emilia Romagna (53%) e Sardegna (51%). Tra le regioni del Centro, oltre a quanto rilevato per le Marche, percentuali pari al 45,9% e al 42% si rilevano, rispettivamente, per l’Umbria e Toscana, mentre il Lazio si attesta al 26,1%. Al Sud, oltre Sardegna e Campania, anche l’Abruzzo supera il 40% con una percentuale di poco inferiore al 43%, mentre al 25,8% e 22% si posizionano Basilicata e Puglia. Inferiori al 15% risultano, infine, i tassi di raccolta della regione Calabria (14,7%) e Sicilia (13,4%).

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Se la CAMPANIA migliora il tasso di RACCOLTA DIFFERENZIATA, perchè a SALERNO deve essere costruito un nuovo TERMOVALORIZZATORE e non è piu’ sufficiente quello di ACERRA ?

  2. Purtroppo no. Attualmente solo una parte dell’indifferenziato ( non differenziabile) viene bruciato ad Acerra. Il resto va in Olanda, Germania e Puglia, con costi enormi e continui salassi per noi. Anche arrivando ad un ipotetico 65 % in Campania (cosa che vedo molto difficile soprattutto per le aree del Napoletano) non sarebbe comunque in grado di farcela. Nel primitivo piano rifiuti erano previsti ben 3 termovalorizzatori, uno specifico per Napoli. La solita demagogia e l’ottusità ideologica dell’attuale sindaco di Napoli, hanno fatto sì che non si realizzasse. Giusto per fare un esempio di come sia difficle la gestione: la plastica differenziata dal Comune di Salerno, non trova quasi del tutto acquirenti e, pertanto, si costretti a mandarla in discarica. diverso è il discorso per la carta ed il vetro che vanno meglio. Poi c’è in compostaggio che funziona bene, ma anche qui ci sono continui sversamenti dei vari cafoni (locali ed extracomunitari) di materiale non idoneo nell’umido.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.