Bus in scarpata: un anno dopo il dolore è ancora vivo. Tragedia causò 40 morti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
bus-scarpata-tragedia-napoli-avellinoE’ trascorso quasi un anno da quella domenica 28 luglio 2013 che in Campania riporta alla mente la tragedia del bus precipitato in una scarpata  dell’Autostrada A16 Napoli-Canosa. La carcassa accartocciata del bus in fondo al burrone dopo un volo di  trenta metri dal viadotto. In trentasei morirono all’istante, quattro nei giorni successivi negli ospedali. Otto i sopravvissuti, tra questi cinque bambini che dopo mesi di cure e operazioni sono tornati a casa. La vittima più giovane di questa tragedia, che il Presidente Giorgio Napolitano definì “inaccettabile”, si chiamava Simona Del Giudice.
Aveva 16 anni, era di Pozzuoli, come quasi tutti i gitanti che tornavano a casa dopo tre giorni nel Sannio, tra Telese Terme e Pietrelcina, il paese di Padre Pio. Simona spirò al “Cardarelli” di Napoli dopo otto giorni di coma. Nella sciagura, aveva perso il padre Antonio e la sorella di 22 anni, Silvana. Della famiglia si è salvata la madre, Clorinda Iaccarino, 44 anni, a cui per settimane venne taciuta la verità sulla sorte dei congiunti. La tragedia si consumò in pochi minuti. Ne mancavano pochi alle 20.30.
Il bus guidato da Ciro Lametta cominciò a sbandare, evitò di centrare in pieno le auto dirette verso Napoli. L’autista accostò il bus al muraglione che costeggia l’autostrada per rallentarne la corsa. Così per una decina di metri. Fino a quando le protezioni cedettero e insieme all’autobus e ai suoi passeggeri, finirono nella scarpata. Ad un anno dalla tragedia l’indagine della Procura di Avellino ha consegnato le prime possibili verità, dopo l’iscrizione nel registro degli indagati di sette persone e l’arresto di tre, accusate di aver falsificato la revisione dell’autobus.
Le perizie affidate il 27 agosto 2013 ai consulenti di ufficio sono state depositate il 15 giugno scorso: 650 pagine e altre 1.500 di allegati, in cui gli ingegneri Alessandro Lima, Andrea Demozzi, Lorenzo Caramma, e il professor Vittorio Giavotto chiamano in causa soprattutto la Società Autostrade: gli ancoraggi (tirafondi, ndr) al suolo delle barriere di protezione, si legge nella perizia, erano in uno stato di degrado dovuto alla mancanza di manutenzione e controlli, “nonostante il prevedibile elevato rischio di corrosione”. Secondo i periti, “la barriera esistente, nelle condizioni di installazione, con i tirafondi integri, avrebbe contenuto l’autobus, evitandone la caduta dal viadotto”. Gli stessi periti, “assolvono” il 44enne autista del bus, Ciro Lametta: “Ha tentato in tutti i modi possibili di salvare la sua vita e quella degli altri”.
Dopo il deposito della perizia, l’inchiesta, coordinata dal procuratore Rosario Cantelmo e affidata ai pm Armando Del Bene e Cecilia Annecchini, ha fatto registrare nuovi sviluppi: in carcere sono finiti Gennaro Lametta, fratello di Ciro, e proprietario dell’agenzia Alam Viaggi che aveva noleggiato l’autobus, e due dipendenti della Motorizzazione Civile di Napoli, l’ingegnere Vittorio Saulino, 56 anni di San Giorgio a Cremano (Napoli), a cui sono stati successivamente concessi gli arresti domiciliari, e l’impiegata Antonietta Ceriola, 63 anni di Giffoni Sei Casali (Salerno). I due funzionari avrebbero falsificato la revisione dell’autobus immatricolato nel 1995 con oltre 800 mila chilometri inserendosi nel sistema informatico della Motorizzazione. 
Fonte ANSA
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.