Sanità, Aliberti a Iannone e Landolfi: “Poche chiacchiere. Intervenite su D.G. Squillante e sul Governo Nazionale!

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa

Sindaco_Scafati_AlibertiIn merito alle dichiarazioni riportate da alcune testate del Presidente della Provincia di Salerno, Antonio Iannone e del Segretario Provinciale Pd, Nicola Landolfi sulle motivazioni dell’occupazione pacifica da parte dei sindaci della Direzione Generale dell’Asl, il sindaco di Scafati, Pasquale Aliberti dichiara: Iannone, Landolfi e insieme a loro FdI e il Pd fanno finta di non capire le reali motivazioni della nostra protesta.  Dopo la sentenza del TAR che ha autorizzato l’apertura del PPI a Scafati, dopo il placet a firma del Sub Commissario Morlacco e del Presidente Caldoro era un atto dovuto da parte del D.G. Squillante rimettere l’Ospedale di Scafati nella rete dell’emergenza così come previsto dal suo stesso piano. Questo è il vero motivo della protesta forte che stiamo mettendo in campo in questi giorni.

Il ‘Mauro Scarlato’, però, va rilanciato anche come struttura ospedaliera, per questo auspichiamo che il Governo Nazionale faccia al più presto uscire la Campania dalla fase Commissariale nella quale ci troviamo a causa degli sfasci prodotti dalla gestione Bassolino, e che dia finalmente alla nostra Regione, al suo Presidente Caldoro e al consiglio regionale la possibilità di poter decidere le strategie e la pianificazione sanitaria dopo quattro anni di commissariamento. Fratelli d’Italia attraverso il suo esponente Antonio Iannone deride la nostra scelta di protestare all’Asl, consigliandoci di interloquire con il Governo Nazionale.

Alcuni esponenti del Pd, ex seguaci di Bassolino, attraverso la voce di Nicola Landolfi, invece, ci invitano ad andare a protestare dal Presidente della Regione Campania, Caldoro. In attesa che le due parti si mettano d’accordo su quale sia la sede migliore per richiedere il nostro Diritto alla Salute noi continueremo a muoverci e ad attivarci per il territorio affinchè sia ristabilita l’emergenza sanitaria nella Provincia di Salerno sperando di trovare interlocutori politici capaci di raccogliere le nostre istanze aldilà delle ideologie, visto che la protesta dei sindaci al momento è l’unico tentativo messo in campo aldilà delle beghe di partito per risolvere il problema sanitario nel nostro territorio.

Il nostro appello è che i due gruppi evitassero le sterili polemiche, la smettessero di strumentalizzare le nostre proteste e che si attivassero anche loro per il nostro stesso scopo: FdI facendo leva sul D.G. e reinserendo Scafati nella rete d’emergenza; il Pd intervenendo sul Governo Nazionale per fare uscire la Campania dal commissariamento e poter attuare la modifica al decreto 49”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.