Progetto Bike Sharing Salerno: ecco come migliora la mobilità in città

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
37
Stampa
Bike_Sharing_5Nel corso di una conferenza stampa convocata presso il Salone del Gonfalone nel Palazzo di Città del Comune in via Roma a Salerno, l’Assessore Luca Cascone ha illustrato il nuovo servizio di Bike Sharing finalizzato al miglioramento della mobilità sostenibile. All’incontro hanno preso parte  anche l’Amministratore Unico di Salerno Mobilità Massimiliano Giordano e Gianluca Crescenzo della Renergo Energy. Si è inoltre proceduto ad una rapida dimostrazione del servizio presso la pensilina collocata in via Pertini alle spalle della Scuola Barra.

Il sindaco De Luca su Facebook ha scritto: “Prende il via il progetto Bike Sharing Salerno per il miglioramento della mobilità sostenibile. In tre ciclostazioni collocate in via Giuseppe Odierno (alle spalle della Villa Comunale), sul lungomare Tafuri e in piazza della Libertà (Pastena), sono da oggi utilizzabili 24 biciclette a pedalata assistita per gli spostamenti in città. Dopo una prima fase sperimentale, il servizio sarà potenziato con nuove ciclostazioni e nuove bici”

Scheda tecnica. Per il progetto di Bike Sharing è stata espletata una gara (vinta dalla Renergo, una società di giovani ingegneri salernitani), con la quale è stato individuato un soggetto gestore che ha voluto investire in mobilità sostenibile ed energia rinnovabile partendo con le prime 3 ciclostazioni, alle quali, dopo una prima fase sperimentale, se ne aggiungeranno altre. In particolare quella di Pastena è stata installata sulla strada e non sul marciapiedi, in quanto sarà possibile la ricarica gratuita per le autovetture elettriche.

– N. 3 Ciclostazioni deposito e ricarica, ognuna per 8 biciclette + 2 posti liberi:
Via Giuseppe Odierno (nei pressi del Molo Manfredi);
Via Lungomare Tafuri (Piazza della Concordia angolo via Clemente Mauro);
Piazza della Libertà (Pastena – incrocio via Trento / via R.Mauri).
Dotate di pannelli fotovoltaici per rendere il sistema autosufficiente ma collegate anche alla rete elettrica per garantire funzionalità anche nelle giornate non soleggiate e per l’illuminazione notturna.
La Ciclostazione di Pastena avrà anche una colonnina per la ricarica gratuita di auto elettriche.

– N. 24 Biciclette a pedalata assistita con i seguenti dati tecnici:
Idonee a percorsi collinari (tipici della città di Salerno);
Autonomia circa 70 Km (dipendente dalle condizioni d’uso);
Regolatore di velocità del motore elettrico;
Indicatore della carica residua;
Cambio meccanico a 7 velocità;
Portapacchi posteriore e luci ad accensione automatica;

– Modalità d’uso:
Prelievo della bicicletta, presso una ciclostazione, utilizzando tessera personale a lettura di prossimità;
La tessera è di tipo ad importo a scalare con pagamento regolato da apposito piano tariffario;
E’ necessaria la stipula preliminare di apposito contratto d’uso;

– Piano tariffario:
Abbonamento iniziale di € 39,00 e valido per n. 20 ore di utilizzo;
Ricariche tessera al costo di € 2,00 / ora – minimo € 5,00;
Rinnovo annuale dell’abbonamento ed aggiornamento dati anagrafici € 5,00;
Sono previste agevolazioni tariffarie per utenti abituali o eventi particolari;

– Altre informazioni:
Servizio attivo 06,00 – 24,00 orario estivo e 06,30 – 22,00 orario invernale;
Punto per assistenza commerciale: chiosco presidio SA Mob Concordia;
Ricariche anche on line con apposito APP (in via di rapida implementazione);
Sito di riferimento per abbonamenti, prenotazioni o informazioni sulla disponibilità delle biciclette presso le ciclostazioni: www.bicincentro.it

A settembre disponibilità sul territorio di 21 rastrelliere (senza ricarica) di parcheggio delle biciclette noleggiate o di proprietà dei cittadini. In futuro installazione di ulteriori ciclostazioni anche in zone collinari. In futuro incremento della flotta biciclette disponibile.

Salerno, l’Assessore Cascone inaugura il punto Bike Sharing

VIDEO

 LE FOTO

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

37 COMMENTI

  1. ma ogni santa volta ci sia una polemica viene tirata in mezzo la questione chiancarelle??abbiamo capito che si sta’ meglio ora ma non rompete sempre con sta’ storia,noi figli del centro storico abbiamo passato l’infazia dietro quel lerciume e non cambierei mai per nulla al mondo la mia adolescenza paragonata al grigiume che c’e’ ora .e basta con questa favola salerno,aria fritta ,solo fumo negli occhi,siamo tartassati , ridotti economicamente al lumicino e non abbiamo le forze di milano,torino o parigi,ringrazio l’amministrazione che negli anni ci ha fatto cambiare radicalmente in meglio,ma purtroppo siamo una citta’ montata ad arte!!

  2. Grazie Santo Padre, non diciamo fesserie. L’abbonamento annuale più “caro” è quello di Milano (€ 36,00) che prevede la prima mezz’ora gratis e le successive mezz’ore a 50 cent. fino a 3 ore, poi 2 euro l’ora. Il prezzo decisamente elevato di Salerno può essere giustificato solo dal tipo di bici (elettriche).

  3. Perchè non tariffare al secondo come avviene per Easy Park aggiungendo una percentuale per il servizio?

  4. buoa iniziativa, ma prezzi spropositati e zero piste ciclabili, se pedali per la strada rischi di essere messo sotto da uno scooter o da un auto di qualche impazzito dal caldo, se cammini sulla lungomare il vigile urbano ti dice che ci sono i bambini, e la cosidetta pista ciclabile del lungomare, nemmeno e’ ciclabile, dato che la usano i pedoni per passeggiare, nonostante abbiano tutto il lungomare a disposizione, e se gli chiedi il passaggio, trovi anche il tipo nervoso che ti aggredisce verbalmente se non proprio con le mani

  5. Cioè, fatemi capire: ma quale sherpa si mette su una bicicletta che costa quel poco e va dal Lungomare al Sala Abbagnano? Mi piglio un passaggio da un amico! 🙂

  6. Ma vi lamentate di tutto ma perché ad Avellino c’è questo servizio a Benevento, Foggia Taranto Catania Messina Trapani Cosenza Reggio Calabria Catanzaro esiste questo servizio??No bene almeno abbiamo iniziato come nel 2008 Salerno è stato il primo Capoluogo sopra i 100mila abitanti del Sud Italia a fare la Raccolta Differenziata….ma qui è bene lamentarsi chi si lamenta di spendere 2 euro è lo stesso che tiene pure la barca e 3 auto

  7. veramente anche qui a Milano le biciclette del bike sharing sono elettroassistite…

    plauso all’iniziativa, ma: 1) prezzi troppo alti e soprattutto 2) poche rastrelliere di stazionamento (se devo andare sul Carmine, dove lascio la bici?)

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.