Dichiarava ricavi pari ad un euro, GdF sequestra beni ad un amministratore che operava nel settore del calcestruzzo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Blitz_Guardia_di_FinanzaI finanzieri della Compagnia della Guardia di Finanza di Agropoli, coordinati dalla Procura della Repubblica di Vallo della Lucania (SA), hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo finalizzato anche alla confisca per “equivalente”, emesso dal locale G.I.P., nei confronti di una nota impresa locale, operante nel settore della produzione e commercio di calcestruzzi, nonché del suo amministratore unico fino al 2012, segnalata all’Autorità Giudiziaria al termine di una verifica fiscale e di articolate indagini patrimoniali.

Avendo scoperto che nel 2011 aveva dichiarato ricavi annui pari ad 1 Euro e pur essendo titolare di due siti produttivi in piena attività a Cicerale (SA) e Perdifumo (SA), le Fiamme Gialle avevano selezionato l’impresa cilentana per lo svolgimento di mirate investigazioni tributarie.

La verifica fiscale svolta nei confronti della società di capitali ha permesso di ricostruire l’effettivo volume d’affari realizzato della stessa impresa, facendo emergere gli ingenti redditi occultati al Fisco, nonché l’imposta sul valore aggiunto e l’I.R.A.P. evasa.

Complessivamente, le attività ispettive eseguite dalle Fiamme Gialle hanno consentito di quantificare in oltre 2,7 milioni di Euro la materia imponibile sottratta a tassazione ai fini delle imposte sui redditi e dell’I.R.A.P., attraverso la presentazione di una dichiarazione fiscale infedele, nonché l’evasione di oltre 540.000 Euro di Iva.

Sulla scorta dei risultati delle attività ispettive e delle connesse indagini patrimoniali eseguite dalla Guardia di Finanza, che hanno permesso di rilevare le possidenze della giovane donna all’epoca a capo dell’impresa di calcestruzzi, indagata dalla Procura della Repubblica di Vallo della Lucania (SA) per il reato di dichiarazione fiscale infedele, il G.I.P. del locale Tribunale ha disposto un mirato sequestro preventivo “per equivalente”, fino all’ammontare delle imposte evase dalla s.r.l. verificata, complessivamente quantificate in oltre 1,3 milioni di Euro.

La misura cautelare reale è stata eseguita dai militari della Compagnia di Agropoli sulle somme rinvenute sui rapporti bancari intestati allo stesso amministratore dell’impresa verificata, nonché su 3 partecipazioni societarie detenute dalla medesima (tra cui il 50 per cento delle quote nella holding con sede a Salerno, che controlla la stessa impresa oggetto delle complesse investigazioni fiscali), a garanzia dei crediti erariali.

Il sequestro è stato reso possibile dall’applicazione della norma, introdotta con la legge finanziaria per il 2008, che estende anche ai reati tributari la c.d. “confisca per equivalente”, ossia la possibilità, qualora non si possa procedere alla confisca dei beni che costituiscono il diretto profitto del reato, di “aggredire” comunque i beni di cui il reo abbia la disponibilità, per un valore corrispondente al suddetto profitto.

COMUNICATO STAMPA UFFICIALE GUARDIA DI FINANZA SALERNO

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.