Iannuzzi e Bonavitacola (PD), DL  91 e Termovalorizzatore di Salerno: Distinguere fra proclami vuoti e verità dei fatti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Fulvio_BonavitacolaL’impegno chiaro ed incisivo del PD ha consentito di modificare completamente la disposizione del decreto legge n. 91/2014 sulla nomina di un Commissario ministeriale per la realizzazione del termovalorizzatore nel Comune di Salerno.

E’ stata decisa una soluzione assolutamente migliorativa rispetto alla formulazione iniziale del decreto, grazie all’approvazione al Senato di un emendamento del PD. La nostra posizione e’ stata diffusamente espressa anche alla Camera in Commissione da Tino Iannuzzi. Fra l’altro, l’unico emendamento del Movimento 5 Stelle, esaminato e respinto nelle Commissioni riunite VIII* e X* e’ stato uno solo, quello meramente soppressivo della norma, che non avrebbe risolto alcun problema. La semplice soppressione della norma avrebbe avuto l’unico effetto di lasciare in vigore la disciplina precedente, confermando le procedure  della vecchia gara espletata dalla Provincia, con la previsione di un mega impianto  di 350.000 tonnellate. Noi abbiano scelto una via più seria,  per azzerare il passato e per aprire una fase totalmente nuova.

La nuova norma, infatti, rispetto al testo iniziale del DL  elimina ogni sbagliato collegamento con la vecchia gara, con il vecchio progetto e con il vecchio impianto risalente alla fase tutta differente del 2007-2008. Sono stati soppressi i poteri straordinari ed eccezionali attribuiti al Commissario, al quale e’ affidato un compito ben preciso: effettuare, entro sei mesi dalla nomina, uno studio aggiornato , che dovrà’ tener conto dello stato della raccolta differenziata in atto ed in proiezione previsionale alla data di attivazione dell’impianto; della produzione complessiva di rifiuti;  di ogni innovazione maturata dal punto di vista delle migliori tecnologie utilizzabili. Solamente dopo ed all’esito di questa approfondita analisi, si potrà’ stabilire se perdurino ancora le ragioni che avevano motivato la originaria previsione dell’impianto. Il tema sul se e sul come e’ tornato ad aprirsi grazie alla nostra iniziativa. Adesso ogni decisione sul se realizzare l’impianto, sul suo eventuale dimensionamento, sul suo bacino di utenza e sulle sue caratteristiche tecnologiche sono i futuri impegni di un’azione seria, che non si riduca ad inutili e sterili polveroni. Le percentuali di raccolta differenziata allo stato sono in Campania di circa venti punti in più’ rispetto a qualche anno fa, soprattutto nella provincia di Salerno. Questi dati non potranno non essere determinanti e vincolanti  ai fini di ogni decisione futura.

Sono stati introdotti, poi, adeguati meccanismi per garantire la partecipazione del Comune di Salerno e dei Comuni confinanti del Picentino ad appositi organismi per vigilare e controllare direttamente e da vicino tutte le attività’ relative allo studio, alla progettazione ed eventuale realizzazione e funzionamento dell’impianto.

Il PD vigilera’ in ogni sede per la puntuale e rigorosa applicazione della nuova disposizione ed agirà’ per le necessarie modifiche del piano regionale rifiuti, che deve individuare soluzioni complessive per la impiantistica per tutta la Regione e  non solo nel Salernitano, ponendo fine alla perdurante ed irresponsabile inerzia della Regione.

Questi sono i fatti, da altri solo, infondati e sterili proclami

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Come volevasi dimostrare, il Movimento 5 Stelle dice un sacco di fregnacce. La “agguerrita battaglia” nelle commissioni, propagandata dal Movimento 5 Stelle attraverso articoli su tutti i giornali, altro non è che il tentativo di far approvare un unico emendamento. 5 minuti di discussione e l’emendamento viene respinto, altro che “agguerrita battaglia”.

  2. Caro “come volevasi dimostrare” quelli che dicono fregnacce sono Iannuzzi e Bonavitacola! Il testo definitivo del DL lo hai letto? Penso proprio di no, come tutti gli altri clienti “morti viventi” che obbediscono ai capi di partito, evidentemente. Innanzitutto gli emendamenti dei 5 stelle al Senato erano 3 e alla Camera addirittura 9! In questi ultimi 9 nessuno parlava di sopprimere l’inceneritore ma nemmeno uno è stato preso in considerazione. Nessuno si è neanche accorto che anche un “timido” tentativo (un emendamento di Simone Valiante) non è stato considerato nemmeno marginalmente dalla loro stessa maggioranza: l’obbedienza al padrone che è legato agli interesse delle lobbi degli inceneritori, questo e null’altro! Le dichiarazioni di Iannuzzi e Bonavitacola sopra riportate sono un tentativo di pulirsi la coscienza rispetto alla popolazione del loro territorio ma mentono sapendo di mentire: il commissario ha perso i poteri straordinarii… dove è scritto? Nel testo è chiaramente indicato “commissario straordinario”. Non si discuterà se farlo o non farlo (inceneritore) perchè non è scritto da nessuna parte, si discuterà delle dimensioni (quindi potrebbero paradossalmente farlo anche più grande di 300 mila tonn – e non di 350 come sopra riportato) magari semplicemente dicendo che dobbiamo “aiutare” i cittadini del Lazio e bruciare anche i loro rifiuti o semplicemente inserire le milioni di ecoballe diffuse in Campania. Se volessi fare l’avvocato del Diavolo potrei addirittura dire che l’hanno fatto per azzerare tutta la procedura in mano alla Provincia e dare in appalto l’impianto a chi decideranno loro ovvero aziende “vicine” al Governo (vedi A2A etc). Poi si parla di coinvolgimento dei Comuni “per vigilare e controllare direttamente e da vicino tutte le attività’ relative allo studio, alla progettazione ed eventuale realizzazione e funzionamento dell’impianto” ma dove? Esclusivamente per la vigilanza nella realizzazione e gestione cioè “guardare” come lo fanno e come lo gestiscono! Nessuna parola potrà essere spesa in fase di progettazione! QUESTI SONO FATTI E NON FREGNACCE, SFIDO CHIUNQUE A SMENTIRMI! INFORMATEVI E COMINCIAMO A GESTIRE LA NOSTRA VITA AUTONOMAMENTE! I NOSTRI FIGLI CE LO CHIEDONO!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.