La comunità Roccagloriosa ricorda “Sciusciu”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
roccagloriosa_salernoUna serata di festa per commemorare Vincenzo Guzzo, un personaggio vissuto a cavallo tra la fine del 1800 e l’inizio del 1900, ma che tutti a Roccagloriosa ricordano grazie alle storie che ancora oggi si raccontano su di lui. Lo scopo dell’iniziativa è quello di mantenere vivo il ricordo di questo straordinario personaggio e farlo conoscere alle nuove generazioni. “Sciusciu”, come tutti lo chiamavano, era una persona semplice e la sua figura, entrata nei racconti leggendari del paese, è legata alla festa di Sant’ Antonio Abate e alla statua che l’uomo acquistò nel 1895 ad una riffa a Laurito per 12 lire. Vincenzo era un commerciante ambulante, i frutti del suo lavoro e delle questue che faceva, anche nei paesi limitrofi, venivano elargiti unicamente per la festa del Santo. Si racconta che avesse con Sant’Antonio un dialogo diretto e che ilo santo, dal canto suo, accoglieva tutte le richieste che “Sciusciu” faceva.

Nel 2009 un altro avvenimento particolare è legata alla sua figura: vecchio e povero, Vincenzo, aveva finito i suoi giorni in una casa di riposo a Salerno, il suo desiderio più grande era sempre stato quello di fare ritorno alla sua amata Roccagloriosa. Di fatto, nel 2009, l’uomo apparve in sogno a Vincenzo Cavalieri, un abitante del posto, chiedendogli di riportarlo a casa. L’uomo si mise subito in cerca delle spoglie mortali di “Sciusciu”, riuscendo a ritrovarlo nel cimitero dei poveri a Salerno. Come per un segno del destino, quello di Vincenzo Guzzo, era l’unica cassa con inciso nome, cognome e data di tumulazione. Con una grande festa, promossa da Vincenzo Cavalieri e Gerardo Grippo, la comunità ha voluto ricordare questo compianto concittadino, sono state proiettate delle immagini per ricordare questo uomo semplice e amato da tutti, alcune persone hanno voluto testimoniare, attraverso i racconti che su di lui ancora oggi circolano, la sua vita. La serata di festa si è concluso con lo spettacolo degli sbandieratori di Cava de Tirreni.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.