Cetara: Gdf sequestra villetta completamente abusiva

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
sequestro_gdf_cetaraI finanzieri della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Salerno, nell’ambito della intensificazione dei servizi di polizia ambientale e controllo economico del territorio disposti dal Reparto Operativo Aeronavale di Napoli, su delega della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Salerno, hanno sequestrato, in località Selvitito del Comune di Cetara (SA), una villetta abusiva.

Il sequestro si è reso necessario in quanto la proprietaria di un fondo agricolo aveva trasformato un vecchio deposito in civile abitazione, con un cambio di destinazione d’uso e con un aumento di volume.

La misura cautelare ha riguardato anche parte dell’area di sedime, dove il terreno agricolo era stato completamente sbancato e cementificato.
Ancora una volta, gli abusi perpetrati ricadono all’interno del perimetro del Parco Regionale dei Monti Lattari, in una zona riconosciuta “patrimonio dell’Umanità” dall’UNESCO.

La proprietaria dell’immobile, il direttore dei lavori ed il responsabile di una ditta edile, sono stati deferiti alla competente A.G. per danneggiamento e deturpamento di bellezze naturali, oltre alle violazioni in materia urbanistica e paesaggistica.
L’operazione si è svolta anche con la collaborazione del personale dell’Ufficio Tecnico del Comune di Cetara.

COMUNICATO E FOTO A CURA DI GUARDIA DI FINANZA DI SALERNO

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Ma nel cilento ci vanno mai? ognitanto buttano fumo negli occhi per giustificare la loro esistenza!

  2. Ma date pure un occhiata alle ville dei “vip” in costiera.
    Cos’è li ci sono o magari,si creano problemi?…

  3. la Campania non solo maglia nera in depurazione ma bissa anche con i dati dell’illegalità in mare. Cemento che divora la costa, scarichi illegali, mancata depurazione pesca di frodo, acquascooter da formula uno. Risultato un mare di guai. La Campania è prima assoluta e conferma la leadership: 2.419 infrazioni il 16,7% del totale nazionale, pari a 5,2 infrazioni per ogni km di costa . Il mattone illegale continua a essere una piaga della Campania mettendo a rischio interi tratti della costiera amalfitana, delle isole e infiltrandosi pericolosamente nel Cilento. La Campania è al terzo posto, subito dopo la Sicilia e Puglia , nella classifica del ciclo del cemento sul demanio marittimo.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.