Arrivati a Napoli 1004 migranti: scatta l’allerta sanitario. Dovevano sbarcare a Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
profughi_migranti_salerno_san_giusto_33E’  arrivata questa  mattina, al Molo 42 del porto di Napoli, la nave della Marina Militare con a bordo 1004 profughi.  I profughi

, provenienti da diversi paesi, vengono identificati e successivamente smistati in diversi centri di accoglienza. Inizialmente la nave doveva sbarcare al porto di Salerno dove dal 19 luglio ad oggi ci sono stati già altri due sbarchi. Da Palazzo Santa Lucia e dall’Agenzia Regionale sanità, Arpa, è stato subito assegnato il codice rosso all’operazione. Il coordinamento, tenuto strettamente segreto, è stato affidato al vice direttore dell’Agenzia Alfredo Savarese. 

Le misure di prevenzione coinvolgono infatti l’Azienda ospedaliera Cotugno, il presidio nazionale preposto alla diagnosi e alla cura delle malattie infettive. Qui, il direttore sanitario Nicola Silvestri, insieme al primario del Dipartimento emergenza infettivologica Francesco Faella, sta predisponendo tutte le misure indispensabili a sopperire a qualsiasi evenienza. I migranti infatti potrebbero essere portatori di patologie infettive comuni come la gastroenterite o la scabbia, patologie che vanno comunque monitorate.

Naturalmente, assicurano i medici, nessun pericolo per malattie gravi come l’ebola. “Se ci fosse stato un rischio del genere – spiega uno specialista – i colleghi della Marina militare non avrebbero consentito la trasferta. È quindi da fugare questa possibilità, anche se potenzialmente ci potremmo trovare davanti a una marea di soggetti contagiati dalla scabbia. In un caso del genere, le istituzioni sarebbero costrette persino a precettare i medici in ferie”. 

La scabbia è trasmissibile proprio per le condizioni di promiscuità in cui vivono in genere i migranti. Alcuni extracomunitari dunque potrebbero essere smistati e separati da quelli da tenere in osservazione che finiranno in una check list per essere sottoposti a verifica sanitaria. Se risulteranno positivi, verranno trasferiti al Cotugno. 

Sulla carta, la ripartizione nei centri campani prevede 77 presenze a Napoli, 70 a Caserta, 45 a Salerno, 10 a Benevento e 10 ad Avellino.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.