Fondazione Ravello su concessione Villa Episcopio: “Nostro progetto è valorizzare patrimonio pubblico”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Ravello_Villa_Rufolo“Capiamo la necessità in questi periodi di riempire i media con contenuti che abitualmente la calura estiva riduce all’osso, ma proprio per parlare di contenuti e non di fumo, nel bicchiere dove si sta agitando la tempesta, proviamo a togliere l’acqua e a mettere sostanza e verità.

1) La Fondazione Ravello nasce per gestire, organizzare, coordinare e promuovere Ravello, la sua cultura, la sua identità, la sua storia ed il suo patrimonio monumentale (vedi statuto e atto costitutivo suwww.fondazioneravello.com).

2) Da dodici anni Fondazione Ravello persegue questi obbiettivi e lo fa con risultati straordinari (vedi bilanci e consuntivi www.fondazioneravello.com/index.php/lafondazione/patrimonio).

3) Quand’anche istituzione di diritto privato, la Fondazione Ravello è costituita da soli soggetti pubblici.

4) Da dodici anni si perseguono questi obbiettivi e da sette anni Fondazione Ravello gestisce Villa Rufolo, sicuramente un monumento molto più prestigioso, impegnativo, strategico e vitale per Ravello rispetto a Villa Episcopio (vedi dati http://www.villarufolo.it/download/VillaRufolo_grafici.pdf )

5) Da dodici anni, centrodestra e centrosinistra, 3 diversi Presidenti, 4 diversi CdA e CdI, hanno contribuito alla realizzazione del progetto e al raggiungimento degli obbiettivi in modo assolutamente e totalmente univoco e costante;

6) Il “Progetto Ravello” non è altro che la gestione unitaria, coordinata e sinergica del patrimonio pubblico, materiale e immateriale di Ravello, attraverso un soggetto agile, specializzato e sburocratizzato, per evitare sprechi, inefficienze, strutture chiuse e cadenti. Il tutto sotto il diretto controllo ed indirizzo degli Enti Pubblici soci, ma senza doverne subire direttamente le crisi politiche e i limiti organizzativi e normativi. Appunto la Fondazione Ravello, che non ha scopo di lucro, non ha Presidenti e Amministratori retribuiti, ma ha l’unico obiettivo di far crescere il livello economico, culturale e sociale in primis dei Ravellesi e poi della Costiera e della Regione Campania tutta, anche attraverso la gestione di beni culturali che, in tale modo diventano volano di crescita per l’economia e per i popoli.

La risposta all’intero dibattito estivo e la sintesi di tutto quanto sopra è nella dichiarazione del Ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini (Ravello, 19 luglio 2014): “Ravello è un modello che soprattutto nel Mezzogiorno andrebbe studiato e valorizzatoRavello ha saputo precorrere i tempi scegliendo la Fondazione quale strumento di governance agile e intelligente”.

Lo scrive in una nota Nicola Mansi dellUfficio Stampa Fondazione Ravello

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.