Povertà e crisi: I giovani del Sud in vent’anni hanno perso tutto il potere d’acquisto

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
8
Stampa
crisi_economica_soldi_disperazione_povertàCrisi e povertà. Una parola d’altri tempi, uscita forse da un documentario in bianco e nero di persone mal vestite che s’imbarcano su una grande nave, dirette all’altro capo del mondo.
Oggi le cose sono molto diverse, e si può essere poveri anche con il telefonino in tasca: basta non avere di che provvedere in maniera autonoma per sé e la propria famiglia.

L’istituto europeo di statistica, per esempio,misura quante sono le persone a rischio di povertà o esclusione sociale. Un numero che nel 2013 ha raggiunto quota 28,4%, il secondo peggior risultato del nostro paese negli ultimi dieci anni.

Ma come succede spesso in Italia, il singolo dato nasconde una varietà estrema di situazioni. E allora uno dei modi più semplici per capire quanta differenza ci sia, in realtà, è guardare ai dati regione per regione.

La prima cosa che salta all’occhio è la Sicilia, dove è dal 2011 che le persone a rischio povertà sono più di quelle che stanno “bene”: superata ormai la soglia del 50%, è questa – ormai da anni – la regione in cui la situazione è più grave. Due milioni e settecentomila persone, facendo i conti, su un totale di cinque milioni.

In altre aree le cose sono meno negative, ma in pochi anni sono peggiorate in maniera notevole. In Puglia e Molise, per esempio, nel 2009 a rischiare la povertà era circa il 35% della popolazione: valori che oggi sono aumentati – rispettivamente – di 7,8 e 9,6 punti percentuale.

In generale il sud se la cava peggio, ma anche al centro-nord c’è chi fa eccezione: la Liguria. Qui le persone a rischio povertà erano relativamente poche, eppure negli ultimi quattro anni sono quasi raddoppiate.

E se in generale la povertà aumenta quasi ovunque, bisogna arrivare fino a Bolzano per trovare un miglioramento: qui, unica area in Italia, dal 2009 al 2013 è passata dal 12,6 al 12,3%. Magra consolazione anche per i piemontesi, dove la situazione risulta invariata.
Ma chi sono queste persone? Chi ha perso e sta perdendo di più, negli ultimi anni? Per capirlo possiamo ricorrere a un altro indice ISTAT, quello che misura la povertà relativa familiare : esso cioè indica quante sono le famiglie che non possono permettersi spese al di sotto di una certa soglia, e come sono composte.

Chi è allora la persona su cui pesa di più il carico di mantenere una famiglia povera? Coloro che cercano occupazione, innanzi tutto, e poi giovani con meno di 35 anni e lavoratori in proprio – soprattutto al sud; c’è più povertà, inoltre, anche dove si è studiato poco.

E se in generale negli ultimi anni la situazione si è aggravata per tutti, a rimetterci meno sono soprattutto le generazioni più anziane: gli ultra 65enni sono fra i pochissimi per cui la povertà cala, mentre nei pensionati aumenta appena. Nulla a che vedere con la situazione dei giovani, che è peggiorata e peggiorata molto.

In fondo non è complicato: una persona povera è una persona che non guadagna abbastanza. E il sospetto che sia anche una questione generazionale diventa forte se guardiamo proprio ai redditi delle persone a seconda della loro età. Come sono cambiati negli ultimi anni? E guadagnano più i giovani o gli anziani? Scopriamo così che la crisi c’entra solo in parte, e semmai ha solo aggravato una situazione che stava già peggiorando da tempo.

Andiamo per ordine: i dati arrivano dalla Banca d’Italia e riguardano i bilanci delle famiglie italiane fino al 2012 . Uno studio che rende evidente il problema: dal 2006 gli unici redditi relativi (cioè rispetto alla media italiana) a crescere sono quelli di chi ha più di 55 anni. Quelli degli over 65, per esempio, otto anni fa erano poco sotto la media mentre oggi la superano del 15%.

La situazione invece peggiora per tutti gli altri e giù fino ai 30enni, il cui reddito relativo ha preso il colpo più pesante rispetto a vent’anni fa.

La disuguaglianza fra giovani e anziani diventa ancora più evidente se guardiamo alla ricchezza. Da un lato questo non deve sorprendere troppo: lavorando per dieci, venti o trent’anni in più si ha tempo per mettere da parte il proprio denaro – magari comprare una casa che da sola costituisce buona parte della ricchezza degli italiani.

Ma quand’è che troppo diventa troppo? Difficile dirlo a priori, eppure impressiona il calo nella ricchezza relativa dei giovani: dal 1991 è diminuita del 76% mentre quella degli over 65 è aumentata di oltre il 50%. Anche i quarantenni se la passano tutt’altro che bene, con una perdita del 44%.

Certo, dirà qualcuno, reddito e ricchezza degli anziani in qualche modo tornano indietro ai più giovani. È vero. Ecco allora un’intera generazione fondata sulla carità e la paghetta del babbo e del nonno: chiamateli pure bamboccioni.

Fonte l’Espresso

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

8 COMMENTI

  1. Peccato che nel frattempo chi ha prodotto tutto questo,si è
    ABBOFFATO di migliaia di euro al mese.Oltretutto sommergendoci
    di palle e rompendoci i timpani ed i c…,con la loro FALSISSIMA
    propaganda,TUTTI!Visto i risultati?Ed in 20 anni chi ha governato
    non può dire di non avere avuto il tempo di fare o correggere il
    proprio lavoro.Sono stati bravi a delle FURBESCHE alternanze,tanto
    per dire non è colpa nostra,ma loro,TUTTI! E noi ancora d’accordo a votare ed a pagare tasse assurde,senza alcun ritorno a questi?
    Bravi! Ma quanto siamo bravi….e pecore.

  2. 😕 quale “potere d’acquisto”: – qua i giovani non s’impegnano per niente:- non hanno voglia di lavorare:- !

  3. iakko per cortesia non dire stronzate ne conosco a milioni di giovano sotto i 30 anni che si taglierebbero una gamba anche per lavorare la sera come cameriere o altro.
    Indubbiamente ci sono persone che non si impegnano ma credimi sono 2 su 100 ciao e informati prima di parlare

  4. X iakko

    Hai ragione da vendere.Di giovani con voglia di lavorare con cervello,dedizione e serietà non ne trovi più in Italia.E sai perché?Perché la maggior parte di chi ha queste caratteristiche si è trasferito all’estero,come mio figlio che nonostante sia avvocato e nonostante io abbia uno studio avviato ha visto che la clientela è in diminuzione e rimanere qui sarebbe stato un rischio.

    In UK guadagna quanto me in 2 mesi…

    In Italia presto rimarranno i pensionati (e nemmeno tutti),i delinquent,gli stranieri e i qualunquisti come te che votano sempre i soliti noti da una vita!Ah e i giovani che supportati dai genitori pensano di diventare imprenditori aprendo il baretto sotto casa senza avere professionalità né capacità di lavorare a contatto con il pubblico…Dio ce ne scampi!

  5. :- < (e kom'è ka vengono i "niri" qua:- ? ( vuol dire ke siamo il "paese"della cuccagna):(. ) ?

  6. iakko,ma che cavolo c’entra?Quanti di loro poi effettivamente lavorano?Senza contare che il 30% della popolazione carceraria italiana è composta da stranieri.Se vengono qua è perché noi siamo i fessi che non li respingono,mica come Francia,Spagna,ecc

    Forse avrei dovuto dire a mio figlio:ma quale UK e McKinsey,vai a raccogliere i pomodori a Rossano!Oppure vai a spacciare!

    iakko,forse dovresti uscire un pò più spesso di casa e informarti di più,ti farebbe bene.

  7. “qui è la “chiesa” che ha una grave responsabilità nello sfacelo dell’Italia (siamo come nel – medioevo- la cultura è mal vista perché sanno che può contrastare la “fede” ed allora i giovani (colti) sono costretti ad emigrare) si sono alleati con gli “svizzeri” come se gli “svizzeri” fossero nostri “pari” (gli svizzeri “ovvero i (lanzechinecchi) portavano solo ruberie e (malattie) ) e oggi i “neri” sono come i “lanze…..chi”):- > è tutto “kiaro” ?”

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.