Sarno: Puc, un Piano eco sostenibile che tutela le aree agricole e i parchi tematici

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

sarno_comune_municipioPiano urbanistico comunale, la Giunta Canfora ha approvato ieri sera la delibera che accoglie le controdeduzioni al Puc adottato dalla Giunta Mancusi il 3 aprile scorso, dando incarico al gruppo di progettazione di rielaborare, nel termine di trenta giorni, la parte programmatica del Piano adottato nell’aprile scorso, per la successiva ripubblicazione dello stesso. Un atto deliberativo fondamentale quello votato ieri sera, che non stravolge la parte strutturale del Piano ma incide fortemente – su espressa volontà politica dell’Amministrazione Canfora – sulla parte programmatica e va nella direzione del progresso e del senso di responsabilità rispetto al Piano adottato dalla Giunta Mancusi. In estrema sintesi, traendo spunto dalle controdeduzioni presentate dai cittadini, dai comitati e dalle associazioni, e sulla base delle osservazioni giunte sul tavolo tecnico, l’esecutivo di palazzo San Francesco ha ritenuto opportuno perseguire anche altre finalità. Infatti, le modifiche apportate dall’Amministrazione Canfora, danno al Puc un’anima e una identità marcatamente ambientalista: meno cemento e una maggiore tutela e salvaguardia del territorio.

“Senza toccare la parte strutturale del Puc – spiega il sindaco Giuseppe Canfora – , l’Amministrazione non riparte da zero, ma corregge la visione della città futura adattandola alla programmazione e a una diversa concezione del territorio. I parchi tematici restano e resta l’impostazione strutturale, ma, nel merito, i Pua andranno ad incidere per conservare la generalità della programmazione urbanistica e la conformità alla natura storica del territorio. Il Piano proposto dalla precedente Amministrazione risulta già in parte cambiato dalle 20 osservazioni accolte rispetto alle 57 presentate dai cittadini, dai comitati e dalle associazioni”.

L’Amministrazione Canfora è voluta scendere anche più nel merito, demandando alla fase successiva dei piani attuativi (Pua) le regole del particolare che saranno oggetto di ulteriore e approfondita analisi nel solco dell’atto approvato. Una delle novità più significative apportate al Piano riguarda le zone agricole. A tutela delle aree agricole si è deciso di aumentare il lotto minimo edificabile da 5000 mq a 10000 mq. Oltre a questo, fermo restando la possibilità di scelta della tipologia abitativa, gli insediamenti a sostegno dell’agricoltura (produzione, deposito agricolo, annessi, etc) dovranno essere ecosostenibili e senza fondazioni profonde né volumi interrati. 

Inoltre, fino alla redazione dei relativi Pua, nelle aree dei parchi tematici (Parco Archeologico Santa Maria della Foce, Parco Urbano dell’Innovazione, Parco Storico Naturalistico del Saretto, Parco Fluviale del Rio Santa Marina, Parco del Voscone), sarà consentita manutenzione ordinaria e straordinaria, adeguamento funzionale senza modifiche di destinazione d’uso, con incentivi alle bonifiche ambientali. I parchi, che sono il cuore e l’anima di questo Puc, saranno infatti oggetto di Pua di iniziativa esclusivamente pubblica, al fine di dare organicità e spessore al parco intero. Ciò non impedirà interventi privati di risanamento conservativo.

 Novità anche per le attività produttive che, fuori dai parchi, possono contemplare edifici alti, anche di tipo direzionale, ma non residenziale. In sostanza si tratta di osservazioni ulteriori che limitano la portata di alcune previsioni precedenti rendendole conformi al programma del centrosinistra. La vera sfida, dopo il periodo di pubblicità e l’approvazione del Consiglio Comunale, si sposta sui piani attuativi (Pua). L’Amministrazione Canfora, apportando le dovute osservazioni, non butta al vento l’opportunità di dare alla città uno strumento urbanistico atteso da ben 40 anni, consapevole anche dell’enorme meccanismo di partecipazione espletato. Le differenze con il precedente Piano sono sostanziali, anche se non strutturali e indirizzano la politica urbanistica verso una maggiore tutela del territorio e verso uno sviluppo ordinato delle diverse attività e delle diverse esigenze.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.