Calcio: Alfano, parte ‘campo praticabile’ contro violenza stadi. Tolleranza zero 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
 salernitana_arechi_polizia_curva_scontri_perugia“Per dare un calcio alla violenza e aprire gli stadi alla gente, agli appassionati, agli sportivi, alle famiglie parte l’operazione ‘Campo praticabile’ un complesso di strategie messe a punto per il Campionato di calcio, che si apre oggi con la prima partita”. Ad annunciare le iniziative mirate alla sicurezza negli stadi è stato il ministro dell’Interno Angelino Alfano nel corso del vertice tenuto con il Capo della Polizia Alessandro Pansa e i responsabili della Task Force e dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive. Oltre 4000 operatori delle Forze dell’Ordine sono pronti a scendere in campo – già da questo week end calcistico – con l’obiettivo di garantire la sicurezza degli oltre 12.000.000 spettatori che, anche per il campionato appena iniziato, sono attesi negli stadi del calcio professionistico per l’intera stagione.
Saranno quasi 200.000 gli operatori delle Forze dell’ Ordine che si prevede di impiegare nel corso del campionato, tra i quali ben 100.000 appartenenti ai Reparti inquadrati delle Forze dell’Ordine, che verranno movimentati su tutto il territorio nazionale per consentire alle Autorità di Pubblica Sicurezza delle singole province di fare svolgere, nelle migliori condizioni, le gare in programma. “Sono convinto – ha dichiarato Alfano – che tutti i tifosi sapranno cogliere le nuove opportunità, facendo squadra con le Forze dell’Ordine per bandire dal calcio ogni forma di violenza o discriminazione. Il campo di calcio è il palcoscenico dello sport e non un campo di battaglia. Mi aspetto che i tifosi bandiscano ogni eccesso, di cui qualche segnale negativo si è manifestato nella fase di preparazione al campionato. Gli incidenti della scorsa stagione, infatti, non dovranno assolutamente accadere – ha sottolineato il ministro -, altrimenti scatteranno le misure di rigore che il governo ha rafforzato durante la pausa estiva”.
Il dispositivo per la giornata calcistica che si sta svolgendo è stato pianificato nel corso di 3 riunioni tenute, nel mese di agosto, dall’Osservatorio che ha individuato, tra le gare in programma, 3 incontri di massimo rischio: una di serie A (Atalanta – Verona Hellas), una di serie B (Perugia – Bologna) e una del mondo dilettantistico (Agropoli – Cavese). Sono però 55 le partite che il centro nazionale di informazione per le manifestazioni sportive – CNIMS del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, terrà sotto osservazione dagli Uffici del Viminale, in stretto raccordo con i Questori delle Province interessate. Non solo il calcio professionistico, ma anche cinque gare dilettantistiche, delle migliaia in programma, richiedono un impiego significativo di Forze di Polizia. Per le gare considerate a massimo rischio non saranno applicate le facilitazioni varate, nell’aprile scorso, dalla Task Force costituita dal ministro dell’Interno, per introdurre, nell’organizzazione delle società sportive, meccanismi di facilitazione per l’acquisto dei tagliandi, tecnologie avanzate per l’accoglienza e il controllo degli spettatori. In aggiunta sono attesi sul campo anche circa 10.000 steward i cui programmi di formazione e di selezione da parte dei club sono stati migliorati proprio grazie alle misure previste dalla stessa Task Force.
Infine oltre 5.000 persone non potranno acquistare i biglietti per gli incontri di calcio in quanto sottoposte a DASPO e quindi riconosciute come “indesiderate” da tutte le biglietterie che, attraverso uno specifico sistema informatico, sono interfacciate in tempo reale con la banca dati delle Forze di Polizia. Per chi tentasse di aggirare la norma scatterà l’arresto. Con la pubblicazione del Decreto Legge varato dal Governo l’8 agosto scorso per un più efficace contrasto della violenza negli stadi, le Forze di Polizia potranno fare ricorso a nuovi strumenti che vanno dal DASPO di gruppo, alla sorveglianza speciale per gli autori di disordini, all’ampliamento della durata del DASPO per i recidivi sino a 8 anni, all’arresto differito in caso di comportamenti razzisti. Il Capo della Polizia, Pansa ha dunque sensibilizzato tutti i Questori sul provvedimento normativo adottato dal Governo, è stata disposta una linea di incondizionato rigore contro i violenti. (ANSA).
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.