Salernitana, inizio tra luci e ombre: con il Cosenza in dieci termina 1-1. Fischi dei tifosi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
12
Stampa
salernitana_cosenza_2014_1Termina 1-1 la prima uscita stagionale dei granata dinanzi alla grande cornice dell’Arechi. Prima apparizione tra luci e ombre nonostante un buon inizio e il vantaggio lampo grazie al rigore procurato e realizzato da Gabionetta al 5’. Ma al 18’ della prima frazione il Cosenza trova il pareggio con Magli e da quel momento la partita cambia.
Salernitana arruffona in manovra e poco pungente in avanti con uno spento Mendicino, silani pericolosi nelle ripartenze. Pareggio alla fine giusto tra due squadre ancora in ritardo di condizione. Nella ripresa vani gli ingressi nei granata di Calil, Ginestra e Giandonato. Con i rossoblu in 10 dal 25’ della ripresa Pestrin e soci sono stati incapaci di superare la tosta squadra calabrese. Ora si attendono i nuovi arrivi di Favasuli e Negro che sembrano essere ormai alla firma con la società di Lotito e Mezzaroma.

In quasi 10 mila per il debutto della Salernitana contro la Nuova Cosenza. Ai 2800 abbonati si aggiungono le migliaia di biglietti staccati nelle ultime ore per il match d’esordio della squadra di Menichini.
Salernitana con il 4-3-3 con Gabionetta in campo dal primo minuto mentre Calil partirà dalla panchina. C’è attesa per vedere all’opera la squadra di Lotito e Mezzaroma (entrambi assenti). Tridente offensivo con Nalini e Gabionetta esterni e Mendicino punta centrale.

Sarà proprio SuperMendo a guidare l’attacco granata contro i lupi silani. Per Caetano Calil, compassato ed ancora in ritardo di condizione atletica, ci sarà spazio solo a gara in corso. Nessun dubbio a centrocampo affidato al terzetto composto da Castiglia, Pestrin e Volpe. In difesa Tuia dovrebbe vince il ballottaggio con Lanzaro e fa coppia con l’inamovibile Trevisan dinanzi a Gori. Colombo a destra e Giacomini a sinistra completeranno il reparto. Cosenza priva di Arrigoni a centrocampo con Magli e Calderini a pungere in avanti e con l’esordio dell’ex Juve Stabia Ciancio.

Pronti via e Calderini del Cosenza prova a scaldare i pugni a Gori ma la palla in diagonale termina fuori. Dopo un minuto ancora Calderini sull’out destro prova un tiro cross ma senza fortuna. Cosenza per nulla intimorito dalla bolgia dell’Arechi prova a pungere ma al terzo minuto Mendicino scatta sul filo del fuorigioco e dal limite destro tenta la botta che termina alta. Al quinto minuto Gabionetta accende la luce: il brasiliano scatta sulla destra si beve un difensore cosentino in velocità e viene atterrato: rigore netto. Lo stesso Gabionetta dagli undici metri spiazza Ravaglia e porta i granata sull’1-0. L’Arechi esplode ed elegge subito beniamino l’ex Crotone che all’8’ sulla sinistra scappa a Ciancio che lo atterra. Cartellino giallo per l’ex Juve Stabia e punizione granata che si conclude con una conclusione fuori misura di Colombo. Al 12’ ci prova Trevisan per i granata da fuori palla deviata in corner. Cosenza che sembra aver accusato il colpo, stenta a imbastire manovre lineari. Ed infatti i granata menano ancora le danze con una bella triangolazione conclusa di poco fuori da Castiglia. Al 18’ doccia fredda: traversone di Sperotto dopo una punizione e Magli di testa batte Gori mettendo la palla tra palo e portiere. Uno a uno e tutto da rifare per Pestrin e soci. Salernitana in bambola e dopo un minuto rischia il raddoppio: Calderini sempre dalla destra si beve Gicomini e in diagonale per poco non beffa Gori. La reazione dei granata e affidata ad una punizione di Tuia che si infrange sulla barriera e a due corner senza esito al 25’.Gabionetta scompare un po dalla manovra perché braccato da due uomini e Castiglia tenta di prendere in mano la trequarti ma senza fortuna. Ci prova Mendicino alla mezz’ora ma viene fermato in corner. Al 33’ ci prova ancora Castiglia dal limite ma la palla va alle stelle. Nei minuti finali di tempo ci prova anche Nalini con un bel destro ma Ravaglia si salva in corner. Dopo una punizione alle stelle del Cosenza l’arbitro manda tutti negli spogliatoi al 45’ esatto.

Ripresa che comincia con gli stessi undici da entrambe le parti. Punizione subito per i granata, cross in area di Volpe per Tuia ma Ravaglia blocca a terra. Al 5’ occasionissima per il Cosenza, Tuia perde palla a centrocampo contropiede silano con Colombo che salva su Cori in corner. Dalla bandierina una carica su Trevisan consente ai granata di respirare. Al 10’ è ancora Calderini a rubare palla a centrocampo e innescare un’azione pericolosa per i calabresi. La Salernitana sembra soffrire e anche dagli spalti si invoca qualche cambio. Partita che diviene dura e a farne le spese è Volpe ammonito al 13’. Al quarto d’ora Menichini manda Calil nella mischia al posto di uno spento Mendicino. Ma è il Cosenza ancora pericoloso con Cori che sulla destra crea scompiglio fermato poi dalla difesa locale. Ci tenta ancora Castiglia di testa ma debolmente al 23’. Dopo due minuti Ciancio trattiene Calil al limite, doppia ammonizione e Cosenza in dieci uomini. La punizione granata si conclude con un colpo di testa alto di Tuia. La partita ora sembra infiammarsi: Volpe ha il match ball ma il tiro dell’ex Lanciano viene ribattutto. Calil prova a scuotere la squadra ma la sua conclusione termina in curva. La partita cala vistosamente e l’unica luce in campo viene data dai riflettori accompagnata dai cori granata. Al 34’ Gabionetta, stanchissimo,  viene sostituito dal Cobra Ginestra. Al 38’ una mischia in area per poco non favorisce la Salernitana ma i lupi silani si salvano. Dopo un minuto Castiglia in buona posizione si fa chiudere in corner. Gli ultimi cinque minuti Menichini manda in campo Giandonato per Castiglia mentre i granata accennano a un forcing finale. Solo tanta confusione negli ultimi minuti con gli uomini di Cappellacci pronti a spazzare ogni azione granata. Al 45’ Volpe invece di servire Calil si fa togliere palla in area. Dopo cinque minuti di recupero termina 1-1 tra qualche fischio la prima all’Arechi della Salernitana targata Menichini.

LA CRONACA MINUTO X MINUTO

1°TEMPO

1′ – Primo squillo del match, destro di Calderini, Gori controlla il pallone uscire alla sua destra;

3′ – Prima azione della Salernitana, Castiglia per Mendicino che prova di prima intenzione, palla alta;

5’ – Dribbling di Gabionetta che salta Sperotto e poi viene atterrato in area di rigore: è penalty

6’ – Gabionetta dagli undici metri porta in vantaggio i granata;

8′ – Ancora Gabionetta irresistibile, salta Ciancio che lo stende a centrocampo: ammonito;

12′ – Pressing della Salernitana, il tiro di Trevisan è respinto in corner;

16’ – Tiro di Castiglia dal limite di sinistro, palla di poco fuori;

18′  – Sperotto salta con facilità Gabionetta e mette al centro dove Magli è in agguato. Il suo colpo di   testa batte Gori, 1-1

19′ – Ancora Cosenza che sfiora il raddoppio, Calderini ci prova con il sinistro a giro, palla a lato

20’ – Punizione di Tuia, palla sulla barriera;

24′ – Buono spunto di Colombo sulla destra, corner per i granata ma senza esiti positivi;

28′ – Ottimo Nalini che salta Ciancio e serve Mendicino, fermato in angolo;

35′  – Bella azione dei granata, Nalini spizza per Mendicino che appoggia a Volpe, che scivola al momento della conclusione;

41′ – Nalini supera Sperotto e batte a rete, Ravaglia respinge;

43’- Punizione dai 25 metri per il Cosenza, palla alta;

45’ – Termina senza recupero il primo tempo.

2° TEMPO

2’ – Tuia di testa dopo un cross su punizione di Volpe: Ravaglia blocca sicuro;

5’ – Occasionissima per il Cosenza, Tuia perde palla a centrocampo contropiede silano con Colombo che salva su Cori;

13′ – Calcio di punizione per la Salernitana, steso Volpe. Il centrocampista granata chiede l’ammonizione per l’avversario e, come da regolamento, il giallo lo becca lui;

15’ – Esce Mendicino ed entra Calil nella Salernitana;

17’- Pericoloso Cori sul vertice destro dell’area granata, la difesa salva;

22’ – Cross di Colombo e Castiglia conclude debolmente di testa

25’ – Espulso Ciancio per fallo su Calil, lupi in dieci;

26’ – Ci prova Volpe dalla distanza palla ribattuta, ancora Volpe che si trascina la sfera fuori;

27′ – Tenta Calil dai trenta metri, conclusione alle stelle; dopo due minuti il brasiliano viene steso da Criaco ammonito;

35′  – Secondo cambio per la Salernitana, Ginestra rileva Gabionetta nel Cosenza Mosciaro al posto di Sassano;

38′ – Calil apre a destra per Colombo, il suo cross è basso e teso ma nessuno riesce a intervenire;

40’ – Esce Castiglia nei granata e subentra Giandonato;

45′ – Buona imbucata di Pestrin, Volpe sciupa tutto non riuscendo a servire Calil;

50’ – Dopo 5 minuti di recupero termina il match 1-1.

SALERNITANA – NUOVA COSENZA 1-1

SALERNITANA (4-3-3): Gori; Colombo, Tuia, Trevisan, Giacomini; Castiglia (41′ st Giandonato), Pestrin, Volpe; Gabionetta (34′ st Ginestra), Mendicino (15′ st Calil), Nalini. A disp: Russo, Bianchi, Lanzaro, Mounard. All. Menichini.

NUOVA COSENZA (4-3-3): Ravaglia; Ciancio, Blondett, Magli, Sperotto; Sassano (34′ st Mosciaro), Corsi, Criaco; Alessandro, Cori (26′ st Tedeschi), Calderini (50′ st Bertolucci). A disp: Saracco, Zanini, Fornito, Tortolano. All. Cappellacci.

Arbitro: Mainardi di Bergamo (A. Cordeschi / S. Cordeschi)

NOTE Marcatori: 6′ pt  Gabionetta rig. (S), 18′ pt Magli (C); Ammoniti: Colombo, Volpe (S), Sperotto, Criaco, Calderini, Ravaglia (C); Espulso: 24′ st Ciancio (C) per doppia ammonizione; Angoli: 5-3; Recupero: 0′ pt – 5′ st.

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

12 COMMENTI

  1. E\’un film gia\’ visto.
    E\’ una societa\’ che non fa programmazione, e aspetta i saldi estivi per completare la rosa, credendo di abbindolare i tifosi comprando giocatori quasi al capolinea. E cosi\’, mentre le altre squadre sono gia\’ assestate, noi dovremo impiegare del tempo per trovare condizione fisica ed amalgama e saremo ancora una volta costretti a rincorrere.

  2. qualche anno fa,dopo un allenamento della salernitana,parlando con un allora tesserato granata,gli chiesi:”mi chiedo perchè chievo,siena(allora in a),albinoleffe in b e altre realta’ minori,stanno li’ e noi stiamo mettendo radici in serie c?”
    mi rispose.”se stanno li e noi qui un motivo cè”.
    solo ora capisco quella risposta………………………………….
    siamo lo specchio della citta’,piena di cantieri ormai bloccati da anni………….
    E POI FACCIO DEGLI ESEMPI:
    FOGGIA
    MESSINA
    COSA HANNO MENO DI NOI,E PURE ORMAI SONO ANNI E ANNI CHE NON CONTANO PIU’ NIENTE.
    STATM A SENT PER MOLTI SARA’ DIFFICILE,MA DOPO ALIBERTI QUI C’E’ STATO,C’E’ E CI SARA’ IL BUIO PIU’ TOTALE!!!!!!!!

  3. Non si capisce niente di quello che hai scritto, mi sa che il tuo cervello è e sarà al BUIO

  4. Ma cosa si aspettavano quelli che sono andati allo stadio o che hanno visto la partita in streaming? Dopo la figuraccia dell’anno scorso, la squadra doveva essere fatta a giugno! Invece hanno esonerato Somma 10 giorni prima del campionato e stanno ancora cercando i giocatori chiave ( ai saldi!) e non quelli per completare la rosa! Mi aspettavo una prova di orgoglio dalla societá cosa che non è avvenuta, ma soprattutto una prova di orgoglio dei tifosi disertando lo stadio per il pessimo operato della societá! Ricordo che questo anno sale solo la prima del girone, quindi niente pezze a colori per poi dire che si sono fatti i play off magari arrivando all’ultimo posto disponibile! Con questa squadra bisogna solo salvarsi! Forza
    Salernitana, ma questo anno non ti seguo!

  5. molto bene tifosi come al solto allo stadio come se non fosse successo niemte programmazione alla grande squadra gia pronta per la prima giornata sono proprio contento ringrazio lotito per aver preso la salernitana cosi sto tranquilllo che resterete in serie C grazie
    vi voglio solo ricordare se volete che la B si gioca a pochi km da voi

  6. Meglio cosii…..tutti a vedere il grande Napoli in Scempions Ligh….guai a dire che il Napoli ha un presidente nato a Roma…..guai a dire che il padre non era di Napoli città capitale delle Due Sicilie, Tre Calabrie e Pizza ai quattro formaggi…guai a dire che a Napoli usano il caffè brasiliano ehhh 5 Coppe del Mondo….la Grande Arghientina 2…..mo ci facciamo la pizza fritta…..l

  7. Mi chiedo perchè tifosi di Cavese, Avellino, Nocerina e di tutta la restante rimasuglia campana vengano a commentare le notizie sportive della Salernitana!!! si sentono così delle nullità che vogliono venire qui a commentare un pareggio di una squadra.. Come se noi ogni loro sconfitta andassimo a sfotterli!! solo che a noi di loro non ce ne frega una beata minchia!!!
    Per quanto riguarda gli altri (i disfattisti di Salerno che aspettano un risultato negativo per dire:\” lo avevo detto, vergogna… ecc…\” ma che la seguite a fare??? parlate e criticate sempre!!! a che serve?? a sto punto fate il fantacalcio e vedete la serie A..
    bah… FORZA SALERNITANA…

    p.s.: PISCIUAJOLO è uno sfottò talmente scaduto che onestamente non mi tocca neanche lontanamente…

  8. IO VIVO IN ROMAGNA ,NELLA CITTADINA DI CAMPAGNA (CESENA)DA DIVERSI ANNI,VEDERE IL CESENA CON IL SUO RIDICOLO PUBBLICO E LO SCADALOSO CAMPETTO DI CAMPAGNA IN A E’ UNA VERA TORTURA. DAI SALERNO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.