L’Espresso titola: Renzi finanzia l’aeroporto fantasma di Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
espresso_aeroporto“Nel decreto Sblocca Italia sono previsti 40 milioni di euro dal governo per lo scalo di Pontecagnano. Chiuso da più di due anni ha perso quasi nove milioni
di euro nell’ultimo triennio. Ed ora sogna il rilancio con una pista allungata e una torre nuova. Grazie ai soldi pubblici”. Comincia così un lungo articolo a firma di Michele Sasso pubblicato su l’Espresso.repubblica.it.

Salerno, a soli 60 chilometri dal capoluogo Napoli, ha necessità di un aeroporto tutto suo? Sì, secondo i politici e amministratori locali. Anche se quello finora aperto è stato un flop. Chiuso da quasi due anni è nato come una piccola pista di atterraggio per spegnere gli incendi. Negli anni nei desideri della Provincia, Comune e Camera di commercio (gli azionisti della società di gestione) Pontecagnano doveva diventare la porta per la costiera amalfitana e servire l’intera Basilicata (che non ha voli) e perfino la Puglia.

Il risultato però non è all’altezza delle aspettative: dal 2007 ad oggi è stato chiuso per tre volte. E anche la gara per affidarlo ai privati è andata deserta. L’ultimo stop and go nell’estate 2012, quando sul primo volo diretto a Milano Malpensa era presente un solo passeggero.

«Sono stati buttati sette anni al vento, dissipati milioni di euro in una gestione inutile con voli ridicoli da uno-due passeggeri»,sostiene il parlamentare Pd Fulvio Bonavitacola: «Contributi pubblici per incentivi a fondo perduto finiti a compagnie come Alitalia che facevano collegamenti senza senso con Milano, solo per propaganda elettorale».

Inoltre, ad oggi, lo scalo non ha nessuna chance di accogliere gli aerei charter né tantomeno i cargo: la pista è di soli 1500 metri e manca una vera stazione di controllo.
Perplessità e dubbi non condivisi dalla compagna di partito, la senatrice Angelica Saggese: «Si tratta di un’opera importantissima per lo sviluppo del turismo di queste zone dove la viabilità resta uno dei nodi più difficili da affrontare e risolvere. C’è da essere contenti per il lavoro svolto insieme al sottosegretario Del Basso De Caro e al presidente del Consorzio, Antonio Fasolino».

La sfida è avere finalmente un terminal moderno sotto casa. Per questo il governatore campano Stefano Caldoro e quello lucano Marcello Pittella hanno deciso di entrare come azionisti della spa che gestiste lo scalo. Nonostante i buchi di gestione che nei bilanci dell’ultimo triennio ha fatto registrare perdite per quasi nove milioni di euro.

Ora, in attesa dei decreti esecutivi, si aspetta il progetto dei lavori e il piano di sviluppo che fa sognare: tra voli privati, viaggi di linea e cargo dovrebbero atterrare un milione e mezzo di passeggeri l’anno. Più della città di Genova. Ce la faranno?

CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO COMPLETO DE L’ESPRESSO

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Hahahaha Bonavitacola e De Luca quinc’è il vostro zampino. La gente sta capendo di che pasta siete fatti. Comune di Salerno per anni moroso nei confronti dell’aeroporto … comune di Salerno ne uno straccio di proposta … Solo parole !!!

  2. Ma come fanno alcuni giornalisti a sparare a zero su un aeroporto che ha come bacino di utenza di almeno 1,3 milioni di persone??
    Il signor Santoro, lo sa che qui dove abito in Emilia Romagna ci sono ben 4 aeroporti internazionali (rimini, forlì, bologna e parma), e con una popolazione che calcolando tutta la regione arriva a 4,2 milioni di persone. Lo sa il Sig.r Santoro, che del sud della provincia di Salerno e parte del potentino distano da Napoli dai 120 ai 170 Km?
    Con l\’allungamento della pista e della torre di controllo si potra avere quello che ci meritiamo!!! L\’italia è un paese di vecchi che votano vecchi solo per interessi naturalmente),saluti

  3. Diciamo la verita’ l’ aeroporto di Salerno, è nato per distribuire poltrone ai politici parassiti di turno, ha avuto sempre i conti in rosso,
    non capisco il finanziamento pubblico, quindi anche il mio, a questo carrozzone. Chiedero’ alla magistratura la revoca del finanziamento e il risarcimento.

  4. Salerno deve seguire l’esempio dell’areoporto di comiso in Sicilia che un solo un anno ha totalizzato 200.000 passeggeri, portando grande sollievo al turismo della provincia di Raguso.

    questo areoporto è importantissimo non tanto per la costiera amalfitana che fa registrare sempre il tutto esaurito quanto per il cilento l’area di paestum che ormai son luoghi dimenticati dal turismo internazionale e anche per la basilicata.

    Ricordo inoltre che ora ryan air non vola nè in campania nè in Basilicata il che mi sembra molto grave

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.