Morte Bifolco, parla il latitante Equabile: “Davide al mio posto, carabiniere voleva uccidermi”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
carabinieri_posto_bloccoParla Arturo Equabile, il ragazzo latitante amico di Davide Bifolco. «Dovevo esserci io al posto di Davide Bifolco. Quella sera il carabiniere aveva intenzione di sparare. Aveva in testa di uccidere, non di mettermi le manette e portarmi in carcere»: ha detto a Quarto grado. 
Il latitante che i carabinieri cercavano una settimana fa nella notte dell’inseguimento e della sparatoria, costata la vita a Davide Bifolco, il ragazzo di 17 anni ucciso da un colpo di pistola sparato da un Carabiniere, a Napoli, in un’intervista trasmessa questa sera a «Quarto Grado», su Retequattro.
«Quella sera – ha aggiunto Equabile nell’intervista diffusa da Mediaset – mi trovavo a casa di mia nonna perchè un’ora prima erano venuti i carabinieri a cercarmi e sono scappato. Tre-quattro pattuglie dei carabinieri avevano bloccato l’interno e l’esterno della casa. Tre di loro erano venuti vicino al portone principale e, con le pistole in mano, dicevano: »Bastardo apri! Ti abbiamo visto Equabile! Apri o ti dobbiamo sparare«. Vicino c’erano anche mia zia con i bambini… le dicevano di aprire, altrimenti avrebbero sparato». «Io sono scappato – ha continuato Equabile – sono rimasto sempre nel rione, ma mi sono spostato di due,tre isolati. Dopo tre quarti d’ora,un’ora, ho avuto la notizia che nell’altro rione i carabinieri avevano tamponato e fatto fuori un ragazzo scambiandolo per Equabile Arturo, il latitante.
I carabinieri sono usciti proprio con l’idea di commettere un omicidio, quella sera. Un carabiniere non si comporta così», ha affermato Equabile. «Certamente il carabiniere ha pensato che fossi io. Dicono anche che quando hanno sparato, abbiano detto al ragazzo a terra, mentre gli mettevano le manette, »Equabile, ti abbiamo preso!«. »Non mi costituisco – ha aggiunto Equabile – perchè ho paura che mi possa succedere qualcosa, come a Stefano Cucchi, entrato per una dose di fumo e uscito morto dal carcere. Ho paura di presentarmi. Voi mi date la sicurezza che nessuno mi torce un capello? Vi prendete voi la responsabilità per un ragazzo di 23 anni?«. »Sono considerato latitante – ha concluso Equabile – perchè implicato in un semplice furto e ho evaso i domiciliari. Così non è vivere. Io ho paura. Sono un ragazzo di 23 anni e mi piace uscire. Non sono un latitante come vogliono far credere. Non ho precedenti, solo per un furto che non ho nemmeno commesso. Come non mi trovavo sul quel motorino quella sera. È la verità«.

Fonte Leggo.it

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Vuole uscire perchè ha 23 anni. Perchè non ci pensava prima che aveva 23 anni, perchè non pensava prima a fare il 23enne. Sai come gli piaceva a fà u buffunciell. Forza CARAMBA più spesso armi in pugno.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.