Raptus di follia, bracciante rumeno colpisce con ascia due persone

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
piccone_carabiniere_sequestroMomenti di forte tensione quelli vissuti questa mattina all’interno dell’azienda agricola “LA Rocca” sita in via Mar Ionio di Pontecagnano, dove un cittadino rumeno Emilian   SAVU nato in Romania nel 1986, senza fissa dimora, al primo giorno di lavoro all’interno dell’azienda, senza un apparente motivo ( gli accertamenti dei Carabinieri si concentrano su un piccolo diverbio avuto in mattinata con le sue vittime circa la corretta esecuzione di un lavoro), si è avventato, armato con un’ascia e con un coltello da cucina (che fortunatamente al primo fendente si è spezzato), contro due suoi connazionali,  Gheorghe PAIUSS 54enne e Dumitru ARDELEANU 27enne, entrambi residenti a Pontecagnano, colpendoli ripetutamente e provocando all’ARDEANU profonde ferite al collo ed alla mano destra, con l’amputazione del dito mignolo ed al PAIUSS ferite alla schiena ed all’avambraccio dx.

Dopo la violenta aggressione, il SAVU si è barricato  all’interno di un deposito agricolo, brandendo l’ascia ed un paio di forbici contro chiunque tentasse di avvicinarlo.

I Carabinieri della stazione di Pontecagnano e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Battipaglia, intervenuti sul posto con cinque pattuglie, hanno tentato di intavolare una trattativa con l’uomo, senza perdere la calma nonostante i momenti di tensione.

Dopo circa quaranta minuti di inutili trattative, gli uomini dell’Arma sono riusciti, dopo aver scardinato la porta di ingresso, a fare irruzione nel deposito, immobilizzando e bloccando lo straniero che veniva anche disarmato e tratto in arresto.

Nel corso della colluttazione, un militare riportava una lieve distorsione alla spalla, giudicata guaribile in cinque giorni.

E’ potuta cosi tornare la calma all’interno dell’azienda mentre l’arrestato, condotto presso la stazione dei Carabinieri di Pontecagnano è stato rinchiuso nelle camere di sicurezza in attesa di essere giudicato per direttissima per i reati di lesioni personali aggravate e violenza e resistenza a p.u.

COMUNICATO UFFICIALE CARABINIERI BATTIPAGLIA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. E scommetto che erano pure illegali…po dice che il lavoro non c’è….facciamo lavorare i rumeni…

  2. Without speranz, io sono convinto che gran parte dei nostri disoccupati il lavoro che fanno i rumeni non lo accetterebbero…..

  3. Molti nostri disoccupati non lo farebbero se sfruttati come anche te non lo faresti caro ”realista”…
    cmq l’azienda paghi tutto è giusto, non erano in regola e soprattutto anche sfruttati credo…

  4. Comunque l’articolo non è corretto: il rumeno ha ferito i due connazionali solo con il coltello, anzi con mezzo coltello spezzato, solo dopo, nel deposito, ha minacciato gli altri con l’ascia.
    Però non capisco come abbia fatto a tagliare un dito con un semplice coltello da cucina (quelli seghettati).

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.