Resoconto operazione Enpa Salerno: 3000 euro di sanzioni amministrative e sequestro penale

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
ENPA_operazioneLe operazioni che questo fine settimana, come il precedente, hanno visto protagoniste le Guardie Zoofile ed Ambientali dell’ENPA, sezione di Salerno,  sono iniziate qualche ora prima dell’alba di domenica. Direzione Cilento. Dopo aver macinato diversi chilometri, spuntato ormai il sole, immancabili e puntuali si percepiscono i primi colpi che conducono le guardie in un uliveto dove si controllano i primi cacciatori. La preapertura è un periodo piuttosto delicato: una tentazione troppo grande per chi ha atteso molti mesi prima di poter ritornare a sparare e infatti questi due cacciatori avevano abbattuto selvaggina nei cui confronti la caccia era chiusa, secondo quando dettato dal vigente calendario venatorio regionale (“la preapertura” riguarda solo specie determinate). Si procede col ritiro del tesserino e una sanzione amministrativa.

Continua il giro delle guardie, d’altronde sono appena le 8.30. Si procede lentamente e coi finestrini delle auto aperti, per poter cogliere ogni più piccolo rumore. Su di una strada di montagna ben asfaltata e assai larga ci si parano davanti 3 uomini accompagnati da un bambino e un cane di razza breton. Avevano il fucile a tracolla, solo aperto, così come la legge prescrive quando si cammina lungo le strada. Chiediamo di controllare i loro documenti e uno di loro dichiara di essere una guardia zoofila, ai sensi della legge 2004 / 189, di una nota associazione venatoria.

All’atto del controllo risulta che il soggetto col fucile aperto aveva omesso di segnare sul tesserino la giornata di caccia, mentre per gli altri due, tra l’altro padre e figlio, iniziano i problemi. I loro fucili erano carichi nel serbatoio, rispettivamente con una e due cartucce, dunque immediatamente utilizzabili, a tutti gli effetti questo viene giudicato come un atteggiamento di caccia su strada, che è sempre vietata. Uno dei due cacciatori aveva omesso di pagare la tassa governativa e l’assicurazione, l’altro aveva abbattuto un Colombo domestico (Columba livia var), specie particolarmente protetta, che mai può essere abbattuta. Tramite utenza telefonica si concorda l’intervento sul posto di una pattuglia di Carabinieri per poi spostarsi alla locale stazione per redigere i verbali. Le sanzioni amministrative hanno abbondantemente superato i 3.000 euro, si è proceduto al ritiro del tesserino, al sequestro del fucile per abbattimento di specie particolarmente protetta.

Domenica si apre la stagione venatoria vera e propria e se questo è l’inizio, non c’è da sperare che gli uccelli volino tanto in alto per poter sfuggire ai colpi di fucile. L’Avv. Michele Capano, Caponucleo delle guardie ENPA in provincia di Salerno, ha dichiarato. “Si dimostra che la “preapetura” è un errore. Inutile prendersi in giro. La possibilità di uscire con il fucile a tracolla si traduce nella caccia di ogni esemplare a tiro, alla faccia delle limitazione illusoriamente poste dal calendario regionale. L’indicazione delle “specie” cacciabili si traduce in un’ipocrisia inutile. Speriamo che questi esempi servano da lezione e che l’anno prossimo si eviti tale “preapertura”. Le Guardie ENPA sono e resteranno un presidio a salvaguardia della legalità dell’esercizio della caccia, ed i cacciatori e le associazioni venatorie della provincia lo comprenderanno sempre di più. Ci auguriamo di avere gli uni e le altre dalla nostra parte. La legalità nell’esercizio della caccia è soprattutto interesse dei cacciatori rispettosi delle regole”

Comunicato – Guardia Zoofila Enpa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.