Sanita’ Campania, Topo e Cortese (Pd): si nega diritto a cittadini 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
medici_sanità_ospedale”E’ il quarto anno consecutivo che a settembre si esaurisce il budget per le strutture accreditate ad effettuare le prestazioni sanitarie, negando di fatto un diritto ai cittadini campani. E Caldoro cosa fa? Invoca una norma nazionale che gli risolva il problema organizzativo e gestionale che Lui non ha mai affrontato e che è di sua stretta competenza! La verità è che il Presidente Caldoro, invece di invocare l’intervento di Roma, che non potrà mai esserci in quanto la Sanità è materia delegata alle Regioni, dovrebbe assumersi la responsabilità di procedere a accertare il fabbisogno effettivo di prestazioni, definire per le strutture pubbliche la loro effettiva capacità operativa , stabilire quanto, in termini di prestazioni, acquistare dal privato convenzionato, distribuirlo su 12 mesi, controllare che siano rispettati i parametri mensili, in modo da non lasciare, da settembre di ogni anno, i cittadini campani privi di qualsiasi assistenza sanitaria fino al 31 dicembre”.
Così commentano il capogruppo regionale del Pd, Raffaele Topo, e il consigliere regionale, Angela Cortese, la proposta di Caldoro di risolvere con una norma legislativa del Parlamento o del governo l’esaurimento delle risorse per le prestazioni sociosanitarie. ”Ora si invoca Roma – incalzano Topo e Cortese – ma cosa hanno fatto in questi quattro anni il commissario ed i subcommissari per evitare tutto ciò? Quali decisioni hanno assunto per arrivare puntualmente ogni anno, a settembre, a esaurire le risorse disponibili? Hanno mai disposto che le Aziende pubbliche determinassero le loro capacità operative, presupposto indispensabile per definire il monte prestazioni da acquisire dai convenzionati? Hanno mai chiesto alle Aziende sanitarie pubbliche di incrementare le loro capacità operative con l’AlPI, in modo da poter utilizzare attrezzature e personale per tempi più lunghi, con conseguenti economie di scala?” “E’ fuori luogo – concludono Topo e Cortese – invocare, come sempre, il governo nazionale. Caldoro una volta tanto si assumesse le sue responsabilità dinanzi alle sue evidenti inefficienze amministrative, senza scaricare su altri. A sentire il Presidente della Regione, quando c’è qualcosa che non va in Campania, la colpa è sempre degli altri. E’ un gioco che deve finire”.
(ANSA).
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.