Napoli, paura al Santobono: crolla soffitto reparto di nefrologia con tre bambini ricoverati. Salvi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
santobonoVenerdì sera all’ospedale Santobono di Napoli nel reparto di nefrologia pediatrica è crollato il soffitto in una delle stanze del quarto piano dell’ospedale, dove sono ricoverati  tre bambini.
A testimoniarlo è stata la madre del piccolo Raffaele, ricoverato da circa sette mesi in attesa di un trapianto di rene.
“E’ incredibile che all’esterno come all’interno gli edifici pubblici – attaccano Francesco Emilio Borrelli dei Verdi e Gianni Simioli della radiazza – continuino inesorabilmente dei crolli. Solo la fortuna ha evitato la tragedia questa volta. Per fortuna tutti i bambini stanno bene hanno avuto solo un grande spavento ma a questo punto ci domandiamo questo ospedale è sicuro? Da cosa è dovuto questo crollo? Caldoro è cosciente dello stato in cui versa la Sanità in Campania che solo formalmente e secondo quello che lui dice sarebbe risanata ma che nella percezione comune è crollata come il soffitto del Santobono?”
Sempre venerdì sera si è avvertita una lieve scossa a Pozzuoli. Tra le 21:30 e le 22 è stata avvertita dalla popolazione un’oscillazione della terra ed è stato udito un boato. Forte lo spavento tra gli abitanti del centro storico e del lungomare puteolano, la scossa è stata avvertita anche in alcune zone di Napoli.
“La verità è che gli edifici pubblici e ovviamente anche quelli privati – concludono Borrelli e Simioli – non hanno subito adeguate manutenzioni con il passare degli anni e che la Protezione Civile nazionale a nostro avviso non ha realizzato a adeguato i piani di evacuazione in caso di emergenza. Allo stato attuale non è difficile prevedere che in caso di eruzioni o forti terremoti gli edifici crolleranno come birilli e oltre ai danni potremmo trovarci dinnanzi ad una vera e propria strage. Moriremo come topi in trappola.  Purtroppo il problema della sicurezza e della tenuta statica degli edifici è da tempo sottovalutato visto che si pensa solo a nuovi condoni e continue cementificazioni selvagge”.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.