Omicidio stradale: novità ferma in Parlamento

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
auto_bar_incidente_sassano_1 - CopiaSi torna a parlare di omicidio stradale. Lo ha fatto il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi rinnovando un dibattito che va avanti da anni, ma che non è ancora sfociato in una norma approvata. In Parlamento c’è uno schieramento trasversale che appoggia l’ipotesi, sostenuta dallo stesso premier Matteo Renzi e dalle associazioni delle vittime, che sottolineano i 114 morti nel 2013 causati dai pirati della strada. Lo strumento che apre alla fattispecie è la legge delega per la riforma del Codice Stradale, approvata lo scorso luglio dalla commissione Trasporti della Camera. Previsto per i colpevoli, oltre alle conseguenze penali, anche il ritiro a vita della patente.

“Nel caso in cui – indica l’emendamento approvato – il conducente cagioni la morte di una persona con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale” anche “in coerenza con eventuali modifiche del codice penale che introducano il reato di ‘omicidio stradale'”, sarà possibile comminare “le sanzioni amministrative accessorie della revoca della patente e della inibizione alla guida sul territorio nazionale a tempo indeterminato”.

L’eventuale via libera definitiva del provvedimento, dunque, non porta all’automatico inserimento del nuovo reato per il quale occorrono modifiche al codice penale. Su questo punto va trovata una formulazione convincente che ancora non è stata messa nero su bianco. Il Pd ha presentato una proposta di legge al Senato che prevede pene molto alte, a metà tra l’omicidio volontario e quello colposo: carcere tra i 6 e 16 anni, per chi provochi la morte di una persona mettendosi alla guida in stato di ebbrezza alcolico, sotto stupefacenti, con un limite velocità superiore al doppio del limite, o si dia alla fuga dopo l’incidente. E nel caso di morte di più persone la pena può essere aumentata fino a 21 anni. Quando la condanna diviene definitiva scatta anche il ritiro a vita della patente.

Rispondendo nel corso di una conferenza stampa a una domanda sulla tragedia avvenuta ieri nel salernitano, Lupi ha ricordato che su casi analoghi il “ministero si è già espresso” e che il “Parlamento dovrà approvare la legge delega per la revisione del Codice della strada”. Intanto, la vera “sfida è educazione e prevenzione, poiché alla libertà della persona non ci si sostituisce”, in secondo ordine Lupi ha indicato l'”ergastolo della patente, una modalità sulla stessa linea della patente a punti, che preveda sanzioni amministrative pesantissime a fronte di comportamenti irregolari”. Per casi estremi, infine, bisogna “introdurre l’omicidio stradale”. Alcune di queste misure “si possono già fare senza aspettare la revisione del Codice della strada – ha illustrato Lupi – altre si possono fare rapidissimamente con il Codice, per altre occorre rivedere il Codice penale. Facciamo presto su tutto – ha concluso il ministro – il Parlamento ha adesso la possibilità di dare un bel segnale”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. assurdo, forse qualcuno preferisce essere ucciso in altro modo? o in altre parole, essere ucciso con l’auto è più grave che essere ucciso per aver lasciato bottiglie di veleno tra le bottiglie dell’olio in cucina o nel frigorifero? tanto per fare un esempio

    proposta di legge ridicola quella che vorrebbe equiparare un qualunque omicidio commesso alla guida con un omicidio volontario; a tutti noi che guidiamo potrebbe capitare.. molto spesso la colpa è anche della persona che poi muore, magari attraversando in curva, fuori dalle strisce e parlando al cellulare senza guardare la strada..

    Si parla di aumento delle pene come se poi i 15 anni per l’omicidio colposo attuale fossero pochi; piuttosto, ci sarebbe da chiedersi per quale motivo QUESTA legge attualmente in vigore non viene applicata.. e per quale motivo il massimo della pena data da un giudice che io abbia mai sentito in questi casi è di 8 anni (per quello zingaro che travolse 13 persone alla fermata del bus uccidendone non ricordo quante..)

    perchè da 15 a 8?? questa è la domanda e questo è il buco da tappare! (senza contare poi la buona condotta, indulto etc..)

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.