Ecco il nuovo piano degli aeroporti italiani. Salerno, scalo di interesse nazionale

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
aeroporto_salerno_pontecagnanoAdesso è ufficiale. L’Italia ha finalmente un piano nazionale degli aeroporti che mette ordine tra i 112 scali attuali e indica priorità e linee di sviluppo. Il consiglio dei ministri ha infatti approvato la riorganizzazione del sistema messa a punto dal ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi. Come previsto, il piano nazionale prevede undici aeroporti strategici, con Fiumicino super hub, e ventisei aeroporti di interesse nazionale, destinati a servire 10 bacini d’utenza.

Gli aeroporti considerati strategici sono oltre al Leonardo da Vinci, Milano Malpensa, Venezia, Bologna, Pisa/Firenze, Napoli, Bari, Lamezia Terme, Catania, Palermo e Cagliari. Per individuare questi undici scali, come accennato, sono stati definite dieci aree di traffico omogenei: Nord-Ovest, Nord-Est, Centro-Nord, Centro Italia, Campania, Mediterraneo-Adriatico, Calabria, Sicilia orientale, Sicilia occidentale e Sardegna. Per ognuno di questi bacini è stato identificato un aeroporto strategico con l’unica eccezione del bacino Centro Nord che invece ne ha due (Pisa/Firenze e Bologna). Negli stessi bacini, poi, sono stati indicati i ventisei aeroporti di interesse nazionale. Per essere considerati tali, gli scali in base al piano, devono possedere due requisiti. Il primo è che l’aeroporto sia in grado di esercitare un ruolo definito all’interno del bacino (come per esempio essere destinato al traffico di merci o essere un city airport), o che l’aeroporto sia in grado di dimostrare l’equilibrio economico-finanziario, anche a tendere, ma in un arco di tempo ragionevole.

Nel Centro Italia, per esempio, accanto all’aeroporto strategico di Fiumicino, sono considerati aeroporti di interesse nazionale Ciampino, Perugia e Pescara. In Sardegna, oltre a Cagliari (strategico), quelli di interesse sono Olbia e Alghero (salta Arbatx). In Puglia, accanto a Bari (strategico), sono indicati Brindisi e Taranto; in Campania, Napoli e Salerno; in Sicilia: Palermo, Trapani, Pantelleria e Lampedusa. E ancora: Catania e Comiso. Nel Nord Est oltre a Venezia, ci sono Verona, Treviso e Trieste. Scalo di punta per la Calabria è Lamezia con Reggio e Crotone in secondo piano.

Nel Nord Ovest: scali di secondo livello sono considerati Linate, Torino, Bergamo, Genova, Brescia e Cuneo. Proprio per Linate Lupi ha illustrato che è in arrivo un decreto per aprire i voli verso le città europee. Il provvedimento avrà una validità di 5 anni e consentirà ad Alitalia-Etihad di andare alla conquista del ricco mercato del Nord Europa.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Che c’entra la Regione? Questo è un provvedimento del governo Renzi! Dove sono i soldi promessi dalla regione e necessari per l’allungamento della pista e lo sviluppo della torre di controllo?

  2. Ma ai cittadini non interessa di chi è il merito, ma che si facciano le cose. E poi solo a parlarne già si pensa alle medaglie

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.