Il pianista salernitano Emilio Aversano intervistato da Amadeus, il mensile della grande musica

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Aversano_PianistaUn po’ atleta, un po’ filosofo: il pianista Emilio Aversano si racconta in un’intervista sulle pagine di Amadeus, il mensile della grande musica, in edicola da venerdì 3. Salernitano di nascita, residente a Tropea, docente al Conservatorio di Vibo Valentia, Aversano, che ama definirsi “originario della Magna Grecia”, è il maratoneta del pianoforte, grazie a imprese epiche che prevedono l’esecuzione di quattro o addirittura cinque Concerti per piano e orchestra in un’unica serata, senza mostrare stanchezza o affaticamento. A Amadeus Aversano spiega i motivi alla base del suo desiderio di rivivere in musica il concetto di maratona: “si tratta di una sfida contro me stesso, non nasce dalla volontà di dimostrare agli altri la mia bravura. Prima di me anche Arturo Benedetti Michelangeli ha eseguito tre o quattro Concerti di Mozart in una stessa serata, e in qualche modo ho recuperato la tradizione delle serate viennesi, che duravano parecchie ore”.

Nell’intervista Aversano rivela anche come si acquisisce la resistenza fisica e mentale necessaria per sostenere serate così lunghe e complesse: “non bevo e non fumo, perché per arrivare a determinati risultati bisogno avere un autocontrollo totale. Inoltre, faccio molto sport, in particolare atletica e nuoto; amavo molto giocare a tennis, ma ovviamente non posso più farlo per motivi professionali”. Amadeus nasce nel 1989, e per il settore della stampa specializzata è subito un successo editoriale senza precedenti. La formula di utilizzare il cd come allegato a un periodico dedicato alla musica fu molto apprezzata dai lettori e dai collezionisti. A venticinque anni di distanza la rivista, interamente rinnovata nella veste grafica, ha mantenuto inalterato il rigore scientifico proponendo ai propri lettori un repertorio trascurato dalla discografia ufficiale e dalle programmazioni delle società concertistiche, ma di estremo interesse musicale. Oggi Amadeus, presente nella maggior parte delle biblioteche pubbliche, è il più diffuso mensile di musica e gode dell’apprezzamento delle più alte personalità del mondo della musica e della cultura.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.