Tragedia di Sassano, Verdi: “Per noi merita l’ergastolo e nessuna attenuante”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
sassano_5_incidenteIl pm della procura di Lagonegro Teresa Iodice, ha convalidato il fermo, riformulando però l’ipotesi di reato. Ora Gianni Paciello protagonista della tragedia di Sassano è accusato di omicidio colposo plurimo e per lui è stata stabilita la misura cautelare degli arresti domiciliari che dovrà scontare nel reparto dei detenuti dell’ospedale di Salerno.
Con l’omicidio volontario plurimo, il «pirata» avrebbe rischiato anche l’ergastolo. O comunque una pena superiore ai 22 anni di carcere.
Ora invece la sua posizione si attenua, anche dal punto di vista di una probabile pena. Secondo l’articolo 589 codice penale si applica la pena della reclusione da tre a dieci anni se il fatto è commesso con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale da: soggetto in stato di ebbrezza alcolica.
Nel caso di morte di più persone, ovvero di morte di una o più persone e di lesioni di una o più persone, si applica la pena che dovrebbe infliggersi per la più grave delle violazioni commesse aumentata fino al triplo, ma la pena non può superare gli anni quindici. Quindi, alla luce del codice Paciello potrebbe rischiare al massimo quindici anni di carcere.
“Al di là del fatto che Paciello dovrà vedersela con la sua coscienza, con la sua famiglia, con il “fantasma” del fratello che ha ucciso e con i parenti e gli amici delle altre vittime per il resto della sua vita – attaccano Francesco Emilio Borrelli dei Verdi e Gianni Simioli della radiazza – crediamo che l’accusa sia stata troppo light. Il ragazzo è stato protagonista di un massacro e anche se non voleva uccidere. Tra l’altro risulterebbe che già in passato sia stato sempre un amante della corsa spericolata. Chi utilizza certi bolidi in zone dove bisognerebbe andare a velocità ridotta è a nostro avviso una persona che merita punizioni esemplari tipo l’ergastolo e senza nessuna attenuante.
Una macchina a velocità sostenuta su certe strade è secondo noi uguale a un fucile carico che spara all’impazzata per strada. Il rischio che uccida una o più persone è molto probabile. Chi scegli di agire in questo modo a nostro avviso è un criminale a tutti gli effetti non tanto diverso da un killer omicida”.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.